FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Stupro Catania, la vittima chiese aiuto con il cellulare ma fu ignorata

Messaggi vocali su whatsapp a un amico intercettano in diretta la violenza. Inutile anche un tentativo di chiamare il 112. Salvini: "Castrazione per gli stupratori"

Stupro Catania, la vittima chiese aiuto con il cellulare ma fu ignorata

"Quando mi hanno spinta in macchina con forza, sono riuscita a mandare un messaggio vocale a un amico - racconta - gli ho sussurrato: 'Per favore aiutami, ci sono dei ragazzi, non voglio'. E lui, prima mi ha risposto che non capiva, poi che non aveva l'auto e non poteva aiutarmi. Una cosa assurda". E' parte del terribile racconto della diciottenne americana stuprata a Catania da tre uomini. Una violenza che, forse si poteva evitare.

"Scrivete pure di Salvo - dice ai carabinieri - sono riuscita a mandargli cinque messaggi vocali mentre mi violentavano, l' ho chiamato due volte. Ma continuava a dire che non capiva. E quando quella notte da incubo è finita, gli ho scritto un ultimo sms: Ti odio davvero". Eccoli, riporta Repubblica, i Whatsapp rimasti senza risposta.

Ore 23,12: "Io sto male, aiuto me". Ore 23,14, si sente la voce di uno degli stupratori: "Compare, te la posso dire una cosa? A chidda ma isu iu". A quella me la alzo io. Ore 23,17: "Aiuto, aiuto, sono nell'auto". A mezzanotte e 3 minuti, la ragazza riesce a mandare anche la sua posizione esatta, il lungomare di Catania, all' altezza del "Caito", dove si riuniscono le coppiette. A mezzanotte e 12 minuti, la violenza si sente in diretta. "Vieni qua", dice uno dei ragazzi. "Non voglio", urla lei. "Sì che vuoi", dice un altro. "No, basta. Non voglio, non voglio". Ma l'amico continuava a non preoccuparsi.

Lei racconta ancora "Quando si sono accorti che avevo il cellulare in mano, hanno provato a togliermelo, ma sono riuscito a tenerlo". E con quel telefono la giovane ha provato poi a lanciare l'allarme al 112, il numero unico di emergenza. Undici volte ha chiamato fra mezzanotte e 13 e l'una. Lei chiamava e i suoi aggressori la bloccavano. L'operatore del 112 ha provato a richiamare, ma niente. L' ultima telefonata durante quell'incubo è al 911, il numero di emergenza americano. "I richiami d'aiuto si sono susseguiti in un arco di ben un'ora e 45 minuti", annota il giudice delle indagini preliminari Simona Ragazzi.

Salvini: "Castrazione per stupratori" - "Per i vermi violentatori di Catania, che hanno stuprato una turista, nessuno sconto: certezza della pena e castrazione chimica!". Lo ha affermato il ministro dell'Interno Matteo Salvini, intervenendo sul caso.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali