FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strage di cani a Sciacca: due sospettati nel mirino della Procura

Proseguono le indagini sullʼavvelenamento di 27 randagi nellʼAgrigentino, che ha provocato le reazioni di politici e animalisti

Strage di cani a Sciacca: due sospettati nel mirino della Procura

Sono due i sospettati per la strage di 27 cani randagi avvelenati a Sciacca (Agrigento), che negli ultimi giorni ha provocato reazioni della politica e delle associazioni animaliste. Sui due peserebbero elementi significativi raccolti dagli inquirenti, ma le indagini proseguono. Non si conosce, infatti, il nome dei sospettati e non è chiaro se siano stati iscritti nel registro degli indagati.

Sull'avvelenamento dei cani a Sciacca, nei giorni scorsi, era intervenuto anche il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, che aveva annunciato l'intenzione della Regione di costituirsi parte civile in eventuali procedimenti giudiziari a carico di presunti responsabili. Gianfranco Micciché, presidente dell'Assemblea regionale siciliana, ha proposto l'istituzione di una commissione parlamentare sul problema del randagismo. Anche lo stesso sindaco di Sciacca, Francesca Valenti, a Tgcom24 ha spiegato le difficoltà del Comune nel gestire la situazione con le poche risorse a disposizione – in particolare, mancano rifugi pubblici per i randagi – e ha chiesto il supporto di Regione e Asl.

Intanto, un nuovo caso di crudeltà sugli animali si è verificato sempre nell'Agrigentino: a Canicattì, due cuccioli meticci di 40 giorni sono stati trovati impiccati a una staccionata. Sarebbero dovuti partire per il nord a giorni, perché il ragazzino che se ne prendeva cura era riuscito a darli in adozione. Il sindaco della cittadina siciliana, Ettore Di Ventura, ha condannato il gesto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali