FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ragusa, la nave Diciotti è approdata nel porto di Pozzallo: 509 migranti sbarcati

A bordo anche 30 donne incinte. "Lʼassegnazione di un porto sicuro è un imperativo umanitario urgente", afferma lʼUnhcr

Sono sbarcati nella notte a Pozzallo i 509 migranti che erano a bordo della nave Diciotti, arrivata nel porto del Ragusano dopo sette giorni di navigazione in mare. Le prime a scendere sono state 30 donne incinte, alcune di loro avevano i figli piccolissimi tra le braccia. A bordo anche i 42 superstiti salvati dall'equipaggio della Trenton, nave della marina Usa, dopo un naufragio al largo delle coste della Libia, in cui risultano disperse 70 persone.

Tra le vittime ci sono anche una donna incinta e una giovane mamma con la sua neonata.

Le condizioni dei sopravvissuti - "Sono stanchi e provati dal lungo tragitto in mare, con condizioni meteo alterne", afferma un soccorritore. La maggioranza sono donne, poi bambini, molti dei quali non accompagnati, e uomini. Il più piccolo ha pochi mesi. Dieci di loro hanno avuto bisogno di essere trasbordati da nave Diciotti, prima dell'approdo, con una motovedetta della capitaneria di porto di Pozzallo: sei bambini, tre donne e un ventunenne, perché disidratati e bisognosi di immediate cure mediche. I più piccoli sono stati portati in braccio da volontari della Croce rossa sotto una tenda bianca.

A bordo c'era anche un cadavere e l'ispezione ha accertato che l'uomo, la cui salma è stata portata in obitorio per una esame medico legale, era morto per annegamento. Secondo testimonianze a bordo, era un nigeriano molto malato che viaggiava da solo.

Unhcr: "Porto sicuro è imperativo umanitario urgente" - "L'assegnazione di un porto sicuro per i migranti soccorsi in mare è un imperativo umanitario urgente e deve avvenire nel più breve tempo possibile, non possono aspettare per giorni in mare". E' l'appello fatto da Marco Rotunno, dell'ufficio comunicazione Unhcr Italia.

Altro naufragio di fronte alle coste della Libia, recuperati sei cadaveri - I corpi di sei migranti sono stati recuperati sulle coste libiche all'altezza di Gianzur, una ventina di chilometri a ovest di Tripoli. Lo ha reso noto il portavoce della marina libica, Ayob Amr Ghasem, lasciando intendere che si tratta di un nuovo naufragio rispetto a quelli segnalati negli ultimi giorni. "Cinque migranti sono stati salvati e trasferiti all'ospedale di Janzur. Sei corpi sono stati recuperati", ha scritto il portavoce.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali