FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, uccide il vicino per il fumo del barbecue e fugge: arrestato

Subito dopo il delitto lʼuomo, un 60enne, si era barricato in casa; quindi, approfittando di un forte temporale è scappato in auto ma è stato riacciuffato

Un 43enne, Cosimo D'Aleo, è stato ucciso a colpi di pistola, nella borgata marinara di Sferracavallo, a Palermo, dal 60enne Piero Billitteri. I due, che abitavano nello stesso palazzo, litigavano da mesi per questioni di vicinato; martedì sera l'ennesima discussione, provocata dal fumo del barbecue di D'Aleo, è sfociata in tragedia. Dopo il delitto Billitteri si è prima barricato in casa e quindi è fuggito ma è stato rintracciato e fermato.

Quando D'Aleo, ha acceso il barbecue per arrostire la carne, Billitteri, che abita nell'appartamento soprastante, è sceso dalla vittima urlando che il fumo gli dava fastidio. I toni si sono subito fatti accesi, e il 60enne è risalito a casa per prendere la sua pistola. Quindi, tornato dal vicino, gli ha sparato davanti alla moglie. L'omicida si è quindi barricato nel suo appartamento, e poi, approfittando di un forte temporale, è fuggito in auto.

L'assassino è stato rintracciato dopo quale ora dalla polizia, rintanato in un magazzino alla Marinella di Palermo. Fermato e portato in commissariato, durante l'interrogatorio ha confessato il delitto: spiegando che il vicino "faceva il barbecue per strada e impuzzava il mio terrazzo". Billitteri è ora in stato di fermo con l'accusa di omicidio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali