FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, traffico internazionale di droga: 3 arresti legati a Messina Denaro

Lʼombra del latitante numero uno di Cosa Nostra dietro il business di stupefacenti lungo la rotta Marocco-Spagna-Italia. Molti i sequestri dal 2013 a oggi

Tre persone sono state arrestate nell'ambito di un'inchiesta della Procura distrettuale di Palermo su un'associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Secondo gli inquirenti i tre hanno operato sotto l'egida di Cosa Nostra e all'ombra del latitante Matteo Messina Denaro, importando grosse quantità di hashish sulla rotta Marocco-Spagna-Italia. Numerosi i sequestri effettuati a partire dal 2013.   

I tre arrestati Oltre cento i militari di Arma e Fiamme gialle impegnati in decine di perquisizioni su tutto il territorio nazionale, nelle abitazioni degli indagati. Tra i tre arrestati c'è l'ex avvocato Antonio Messina, 73 anni, che viveva a Bologna e che è finito ai domiciliari per motivi di età. In carcere sono stati portati invece Giacomo Tamburello, 59 anni, e Nicolò Mistretta, 64. Tutti quanti sono originari di Campobello di Mazara e hanno numerosi precedenti per traffico di droga. 

 

Tre sequestri da un milione e mezzo di euro Tra i sequestri effettuati ne vanno segnalati alcuni in particolare. Oltre 240 chilogrammi di droga, destinati alle piazze milanesi dello spaccio, furono intercettati a Carate Brianza; un'altra "partita" di 180 chili fu ceduta a clienti di origine calabrese, mentre un carico di 60 chili fu sequestrato nel 2015 in Toscana. La vendita della droga avrebbe reso, sul mercato al dettaglio, circa un milione e mezzo di euro. 

 

I riferimenti a Messina Denaro nelle intercettazioni Dalle indagini su questa rete di traffico di stupefacenti è emerso che gli esponenti dell'organizzazione criminale, oltre ad esprimere in alcuni dialoghi intercettati espliciti riferimenti a Matteo Messina Denaro, hanno agito anche a favore del clan campobellese prevedendo, tra l'altro, la distribuzione dei proventi illeciti per i bisogni economici della famiglia mafiosa. L'ex avvocato Messina si sarebbe anche adoperato per dirimere i contrasti sorti per ragioni economiche tra i componenti del gruppo, sviluppando nell'hinterland milanese incontri con altri importanti esponenti della criminalità organizzata siciliana da anni operativi in Lombardia; proprio in occasione di una di queste riunioni, in un affollato esercizio commerciale, si è fatto cenno al latitante di Castelvetrano. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali