FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, nave di "Save the children" perquisita | La Ong: noi estranei

Lʼoperazione nellʼindagine sul favoreggiamento dellʼimmigrazione clandestina che ad agosto aveva coinvolto la Iuventa

Uomini della polizia, dello Sco e della guardia costiera stanno eseguendo delle perquisizioni a bordo della nave Vos Hestia della Ong Save the children, ormeggiata a Catania. La perquisizione rientra nell'indagine sul favoreggiamento dell'immigrazione clandestina che ha già portato nell'agosto scorso al sequestro della Iuventa, nave della Ong tedesca Jugend Rettet.

Ad agosto la procura di Trapani ha disposto il sequestro della nave Iuventa della Ong tedesca Jugend Rettet, accusata di contatti con i trafficanti. E a settembre era finito sul registro degli indagati anche il nome di Marco Amato, comandante nella nave Vos Hestia. L'accusa nei suoi confronti è la stessa ipotizzata per il personale della Iuventa: favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Pm: da nave Save Children contatti con trafficanti - Ci sarebbero stati alcuni contatti tra il personale a bordo della nave di Save the Children e i trafficanti di esseri umani in Libia. E' quanto si evince dal decreto di perquisizione firmato dai pm di Trapani Andrea Tarondo e Antonio Sgarrella.

L'inchiesta sui contatti tra Ong e trafficanti - A fare il nome del comandante sarebbe stato Pietro Gallo, l'uomo che lavorava per la 'Imi security service', la società che si occupava della sicurezza a bordo della nave di Save the Children, e che con le sue dichiarazioni ha fatto partire l'inchiesta. A bordo della Vos Hestia ha operato per diverso tempo anche un agente sotto copertura che ha documentato con diverse foto i presunti contatti in mare aperto tra i trafficanti libici e gli uomini a bordo della Jugend Rettet.

Il numero dei migranti salvati dalle Ong

Ong: "Siamo estranei alla vicenda" - La perquisizione sulla nave Vos Hestia "è relativa alla ricerca di materiali per reati che, allo stato attuale, non riguardano Save the Children". La documentazione oggetto della ricerca "come si evince dallo stesso decreto di perquisizione" è "relativa a presunte condotte illecite commesse da terze persone". E' quanto afferma Save the Children che ha reso anche noto di aver sospeso le operazioni di soccorso in mare "come già pianificato data la riduzione dei flussi". "Ribadiamo con forza - dice ancora la Ong - che Save the Children ha sempre agito nel rispetto della legge durante la propria missione di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo e confermiamo ancora una volta, che l'Organizzazione non è indagata".

Sequestrati pc, telefoni e hard disk - Due computer portatili e due tablet, i computer della nave, un telefono satellitare e un cellulare, un hard disk esterno, il giornale di bordo della Vos Hestia dall'agosto 2016 ad oggi e il brogliaccio di navigazione dal 1 gennaio 2017 ad oggi. E' quanto hanno sequestrato gli agenti saliti a bordo della della nave. Il materiale si trovava sia in plancia di comando sia in alcune cabine della nave ed è stato sequestrato al comandante Paolo Alfonso Russo, al team leader di Save the Children Romain Lasjuilliarias, al vice team leader Javier Garcia Cortes e all'addetta alla logistica Paloma Gonzalez Fernandez, al mediatore culturale Hassan Ali Sayed Salem.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali