FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, ferma in mare la nave della Guardia costiera: sbarca una donna incinta con la sua famiglia

Rimangono a bordo gli altri profughi, soccorsi al largo della Libia dallʼimbarcazione italiana

Migranti, ferma in mare la nave della Guardia costiera: sbarca una donna incinta con la sua famiglia

Una donna incinta all'ottavo mese è sbarcata dalla Gregoretti, la nave della Guardia costiera con 135 migranti soccorsi a bordo. La donna è stata fatta scendere al porto di Catania insieme al marito e ai due figli piccoli, dopo un consulto medico, secondo quanto dicono fonti del Viminale. La nave rimane al largo del porto con gli altri profughi a bordo. Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha più volte ribadito che non darà l'ok allo sbarco se da parte della Commissione europea non ci sarà una presa in carico di tutte le persone salvate.

Da parte sua, Bruxelles ha fatto sapere che avrebbe contattato gli Stati membri per raccogliere disponibilità.

Unhcr: altri 89 migranti riportati in Libia - Rimane quindi ancora incerto il futuro dei profughi salvati dalla nostra Guardia costiera e la situazione ancora non si sblocca, mentre nella notte altri 89 migranti, in maggioranza sudanesi, sono stati intercettati in mare e riportati in Libia. Lo segnala l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (l'Unhcr), riferendo di essere intervenuto con suoi uomini e mezzi, insieme all'organizzazione partner Imc, al porto di Hamedia Tajoura, per prestare assistenza.

"Il soccorso non deve essere seguito dalla detenzione - scive l'agenzia Onu sulla sua pagina Twitter -. L'Unhcr aveva già riferito di almeno altre tre operazioni di soccorso sabato condotte nella notte al largo della Libia, con oltre 200 migranti poi sbarcati a Tripoli, Al Khoms e Zwara all'indomani del naufragio al largo id Khoms, costato la vita a oltre 100 persone.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali