FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Cronaca >
  • Sicilia >
  • Malasanità, all'ospedale di Catania non ci sono posti: muore una neonata

Malasanità, all'ospedale di Catania non ci sono posti: muore una neonata

La piccola è deceduta durante il tragitto verso il nosocomio di Ragusa, a un'ora e trenta minuti di distanza da Catania. Aperta un'inchiesta. La clinica: "chiesto più volte ma inutilmente l'intervento del 118"

- Una neonata è morta in ambulanza mentre veniva trasferita a Ragusa in quanto all'ospedale di Catania non c'erano posti disponibili. La piccola, chiamata Nicole e nata in una clinica privata catanese, ha avuto problemi respiratori, ma è morta prima di poter essere ricoverata. La Procura di Ragusa ha aperto un'inchiesta per accertare eventuali responsabilità mediche e sulla disponibilità di strutture cliniche non adeguate a Catania.

La neonata sarebbe entrata in crisi respiratoria dopo il parto, avvenuto regolarmente nella clinica privata "Casa di cura Gibiino" di Catania. Nella sala erano presenti, tra gli altri, il ginecologo di fiducia della donna, un anestesista, un rianimatore e un neonatologo.

I medici si sono accorti subito della gravità del quadro clinico della piccola e hanno contattato le Unità di trattamento intensivo neonatale di Catania per trasferire d'urgenza la neonata; tutte però erano piene, senza disponibilità di posti. E' stato cosi' contattato il 118 che ha cercato e trovato una Utin disponibile all'ospedale Paternò-Arezzo di Ragusa.

La clinica ha quindi provveduto, con un'ambulanza privata, al trasporto della neonata a Ragusa, con al seguito i medici specialisti della struttura privata. Durante il tragitto, quando l'ambulanza era già in territorio della provincia di Ragusa, la piccola ha avuto una violenta crisi: i medici a bordo dell'ambulanza hanno tentato di rianimarla, ma la neonata è morta.

I medici presenti sull'ambulanza sono stati sentiti dalla polizia come persone informate sui fatti; il magistrato deciderà in seguito se disporre l'autopsia. Intanto a Catania, dopo la denuncia di familiari della piccola deceduta ai carabinieri, la Procura ha aperto un'altra inchiesta disponendo il sequestro della cartella clinica nella casa di cura. Nicole era la primogenita di Andrea e Tania, giovani che, sposatisi due anni fa, vivono a Gravina di Catania. Lui, che ha presentato la denuncia ai carabinieri, lavora in un bar, mentre lei è casalinga.

La clinica catanese, da parte sua, manifesta "amarezza per la famiglia" ed esprime "cordoglio per la scomparsa della piccola". E sottolinea come più volte, ma invano, sia stato richiesto l'intervento del 118: "dopo numerosi e vani tentativi, in seguito a svariate e reiterate richieste rivolte al 118, preso atto che l'unica Utin disponibile era l'ospedale di Ragusa, con un'ambulanza attrezzata privata si è trasferita la neonata". Ma "durante il tragitto verso Ragusa le condizioni della paziente sono peggiorate, fino al decesso avvenuto dopo circa 3 ore dalla nascita".

Non hanno tardato ad arrivare anche le reazioni politiche alla vicenda: il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso "incredulità" per l'accaduto, mentre il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha parlato di "vicenda che lascia sgomenti, abbiamo immediatamente inviato gli ispettori in Sicilia per fare luce su quanto accaduto".

TAG:
Catania
Ragusa