FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mafia, sgominati tre clan nel Catanese: chiesero il pizzo anche a Condorelli ma lui li denunciò

L'imprenditore, noto come il "re dei torroncini", non si è mai piegato: "Bisogna avere fiducia nelle Istituzioni e nelle forze dell'ordine"

Una bottiglia piena di alcol etilico e un messaggio chiaro su un biglietto con una minaccia (sgrammaticata): "Mettiti a posto ho ti facciamo saltare in aria cercati un amico". E' l'intimidazione fatta trovare, nel 2019, da clan legati alla famiglia Santapaola-Ercolano davanti alla sede di Belpasso (Catania) del "re dei torroncini" Giuseppe Condorelli. L'imprenditore non si è mai piegato e ha denunciato il tentativo di estorsione ai carabinieri.

Come già avevano denunciato in altri casi simili nel passato, sia lui sia suo padre. L'episodio è emerso nell'ambito dell'inchiesta "Sotto scacco" della Dda di Catania, sfociata nel blitz dei carabinieri del comando provinciale etneo con 40 arresti, 10 delle quali poste ai domiciliari.

 

"Denunciare conviene - afferma Giuseppe Condorelli - l'ho sempre fatto con convinzione. Noi imprenditori abbiamo degli obblighi anche sociali e non possiamo venire meno a questi. Bisogna avere fiducia nelle Istituzioni e nelle forze dell'ordine. La mia vicenda personale lo dimostra".

 

Paura? "Certo c'è sempre l'alea, soprattutto quando si ha una famiglia, io ho moglie e due figlie piccole e penso a loro. Ma se si vuole estirpare questa malapianta - ribadisce - non c'è che una strada: la denuncia. Anche per il futuro della mia famiglia, della mia terra. La legalità è un presupposto indispensabile per creare economia nuova e sana. Complimenti a magistrati e carabinieri per il loro encomiabile lavoro".

 

Le indagini dei carabinieri hanno disarticolato tre clan legati a Cosa nostra etnea. Sotto il faro della Dda di Catania, riacceso nell'ottobre 2017, le attività, a Paternò e Belpasso, degli storici clan mafiosi Alleruzzo, Assinnata e Amantea e dei loro vertici legati alla famiglia Santapaola-Ercolano che gestivano in esclusiva il traffico di droga e le estorsioni nella zona di appartenenza.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali