FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mafia, colpo al clan di Brancaccio: 25 arresti a Palermo

Droga, il business delle slot machine, il controllo di alcune case di riposo, le estorsioni: questi gli interessi dellʼassociazione criminale

La polizia di Palermo ha arrestato 25 persone legate al clan di Brancaccio, una delle famiglie chiave di Cosa nostra. I criminali finiti in manette sono accusati di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione aggravata, incendio, autoriciclaggio, detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e contrabbando di tabacchi lavorati. Gli agenti hanno inoltre sequestrato beni per un milione di euro.

L'operazione "Maredolce 2" ha fatto luce su una delle articolazioni territoriali chiave nell'economia della mafia palermitana: la famiglia di corso dei Mille. I nuovi capi erano Fabio Scimò e Salvatore Testa, volti noti di Cosa nostra e già condannati per associazione mafiosa.

La droga, il business delle slot machine, il controllo di alcune case di riposo, le estorsioni sono solo alcuni degli interessi perseguiti dagli affiliati e documentati dalle indagini. Anche i piccoli criminali agivano sotto l'autorità mafiosa.

Il clan era stato già duramente colpito nel 2017 nell'ambito di un altro blitz, nel quale finirono in manette 34 persone. Agli arresti per associazione mafiosa finí anche il fratello di Giovanni Lo Porto, l'operatore umanitario rapito da Al Qaeda nel 2012 in Pakistan e ucciso da un drone americano nel corso di un'operazione antiterrorismo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali