FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fermato lʼerede di Totò Riina: Cosa nostra si stava riorganizzando

Secondo lʼindagine della Dda di Palermo, dopo la morte del boss dei boss era stata ricostituita la "cupola" che controllava la provincia di Palermo: un 80enne il nuovo capo

Dopo la morte del boss dei boss Totò Riina, Cosa nostra si era riorganizzata, eleggendo come capo della "Commissione provinciale" di Palermo il gioielliere 80enne Settimino Mineo, già capo del mandamento di Pagliarelli. A rivelarlo è un'inchiesta della Dda palermitana che ha portato al fermo di 46 persone (tra le quali Mineo), accusate di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, porto abusivo di armi e danneggiamenti.

L'anziano padrino, già condannato a 5 anni al maxiprocesso istruito da Giovanni Falcone, era stato nuovamente arrestato 12 anni fa per poi tornare in libertà dopo una condanna a 11 anni. Mineo, secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri, aveva il terrore di essere intercettato e non usava telefoni. La "Commissione provinciale" di Cosa nostra, che da anni ormai aveva smesso di riunirsi, sarebbe stata riconvocata il 29 maggio, segno che l'organizzazione criminale si stava riorganizzando tentando di tornare a essere la "vecchia" mafia.

L'inchiesta, coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Salvatore De Luca e dai pm Francesca Mazzocco, Amelia Luise, Dario Scaletta, Gaspare Spedale e Bruno Brucoli, ricostruisce gli assetti dei clan palermitani di Porta Nuova, Poagliarelli, Bagheria, Villabate e Misilmeri.

Mafia, colpo alla "nuova cupola" di Cosa Nostra

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali