FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Decreto Sicurezza, la questura smentisce la notizia della Digos negli uffici dellʼanagrafe a Palermo

Interviene anche Matteo Salvini: "Non cʼè stata alcuna ispezione"

La questura di Palermo ha smentito la notizia diffusa in mattinata da alcuni organi di stampa secondo cui agenti della Digos si sarebbero presentati negli uffici dell'anagrafe del Comune di Palermo, dopo le affermazioni del sindaco Leoluca Orlando sulla sospensione delle procedure previste dal decreto Sicurezza. In una nota, la questura parla di notizia "destituita di ogni fondamento".

La notizia di "una asserita presenza di personale della Digos di Palermo presso l'ufficio anagrafe del Comune, per assumere informazioni sulle procedure sui richiedenti asilo politico", si legge in una nota della Questura di Palermo, è "destituita di ogni fondamento". "Nessun dipendente della locale Digos ha fatto accesso negli uffici comunali". Anche il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha ribadito che "non c'è stata alcuna ispezione della Digos negli uffici del Comune di Palermo".

Giovedì il capo area Maurizio Pedicone aveva trasmesso all'ufficio anagrafe il documento del 21 dicembre in cui il sindaco di Palermo dispone la sospensione delle procedure previste dal decreto sicurezza, documento, si legge nella nota del burocrate, "ricevuto da questo ufficio soltanto ieri (il 2 gennaio, ndr) alle 17.07". La sospensione, ricorda Pedicone, va praticata "nelle more di approfondire il provvedimento legislativo", la cui applicazione potrebbe "ledere i diritti fondamentali costituzionalmente garantiti della persona".

Intanto sono state dieci le richieste di residenza presentate all'ufficio anagrafe di Palermo da parte di extracomunitari. Il primo appuntamento per verificare le pratiche è stato fissato dagli impiegati per il 28 gennaio e date successive. I richiedenti sono tutti originari del Bangladesh e Ghana. "Cerchiamo di capire - spiegano alcuni dipendenti del Comune - cosa succederà dopo le parole del sindaco Leoluca Orlando e le dichiarazioni del ministro Matteo Salvini".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali