FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Catania, istigava alla guerra santa sui social: arrestato un italiano convertito allʼIslam

Il 32enne Giuseppe DʼIgnoti si è convertito in carcere nel 2011. Inviava foto e video su gruppi Whatsapp in cui si fingeva egiziano: "Prendete un fucile o un coltello. Bisogna fare pulizia a Milano"

Catania, istigava alla guerra santa sui social: arrestato un italiano convertito all'Islam

Giuseppe D'Ignoti, un 32enne pregiudicato è stato arrestato dalla polizia a Catania con le accuse di apologia del terrorismo mediante strumenti informatici e istigazione ad arruolarsi in associazioni terroristiche. L'uomo, dopo essersi convertito all'Islam nel 2011, secondo gli investigatori aveva iniziato a fare proselitismo sui social network, istigando anche alla guerra santa contro gli infedeli.

Convertito in carcere - La conversione all'Islam del 32enne è avvenuta nel 2011 nel carcere di Caltagirone, dove stava scontando una pena di 5 anni per violenza sessuale. A convincerlo era stato un cittadino marocchino, allora 31enne, poi rimpatriato nel 2017 dall'Italia perché trovato in possesso di un vessillo dell'Isis.

Intercettazioni e pedinamenti - L'indagine, condotta dalla Sezione Antiterrorismo Internazionale della Digos della Questura di Catania in accordo con la Direzione Centrale Polizia di Prevenzione, è relativa a fatti avvenuti tra il 2016 e il 2017. Tramite intercettazioni, pedinamneti e testimonianze, è stata ricostruita l'attività di Giuseppe D'Ignoti che si trovava in carcere dall'ottobre 2017 per gravissimi reati commessi verso l'ex convivente di nazionalità ucraina.

Propaganda via Whatsapp - La sua attività di propaganda è iniziata nel 2016 tramite Whatsapp: sulla chat, infatti, il 32enne svolgeva la sua attività di proselitismo in vari gruppi, nei quali si nascondeva sempre dietro lo pseudonimo di "Ahmed" e fingeva di essere di nazionalità egiziana. Sui gruppi inviava video e immagini con le gesta dei miliziani dell'Isis, scene cruente di uccisioni e decapitazioni e infine anche i cosiddetti Nasheed, i tipici canti che inneggiano alI'Isis ed alla Jihad.

"Fare pulizia a Milano o in Calabria" - Nei suoi messaggi, D'Ignoti incitava a prendere un fucile o un coltello e ad andare ad ammazzare qualcuno. Il 32enne, inoltre, sosteneva che bisognava "fare pulizia a Milano o in Calabria" manifestando odio verso qualunque cosa rappresentasse l'Occidente.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali