FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Diciotti, indagati Salvini e un funzionario | Il ministro: "Una vergogna, serve la riforma della giustizia"

I reati contestati sono sequestro di persona, abuso dʼufficio e arresto illegale

La Procura di Agrigento, che indaga sul caso della nave Diciotti della guardia costiera, "al termine dell'attività istruttoria compiuta a Roma", ha deciso di iscrivere sul registro degli indagati due nomi. Si tratta, fanno sapere i magistrati in una nota, di "un ministro (Salvini, ndr) e un capo di gabinetto": gli atti sono stati già trasmessi "alla competente Procura di Palermo per il successivo inoltro", mercoledì, "al tribunale dei ministri".

I reati contestati dalla Procura a Salvini e al capo di gabinetto del ministero sono sequestro di persona, abuso d'ufficio e arresto illegale. Il procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, si era presentato sabato a Roma per ascoltare due funzionari del Viminale come persone informate sui fatti: la loro audizione era durata oltre tre ore. Al termine dell'interrogatorio il magistrato ha lasciato la Procura romana senza rilasciare dichiarazioni, ma alcune ore dopo è arrivata la notizia dell'iscrizione del ministro e del funzionario sul registro degli indagati.

Il ministro: "Una vergogna, serve riforma della giustizia" - Immediata la reazione del ministro dell'Interno, secondo il quale "è una vergogna essere indagati per difendere gli italiani: serve la riforma della giustizia". Salvini quindi invita le " migliaia di giudici per bene e i magistrati che fanno il loro dovere" a "buttare fuori le correnti dalle aule. E se qualcuno vuole fare politica per il Pd si candidi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali