FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Terrorismo, cellula di Al Qaeda con base in Sardegna: otto assoluzioni

Erano accusati di essere coinvolti nella strage che, nellʼottobre 2009, provocò 137 morti e oltre 200 feriti al mercato di Peshawar, in Pakistan

Terrorismo, cellula di Al Qaeda con base in Sardegna: otto assoluzioni

La Corte d'assise di Sassari ha assolto dall'accusa di terrorismo otto degli undici imputati (10 pakistani e un afghano) accusati di far parte di una cellula di Al Qaeda con base in Sardegna. Dovevano rispondere della strage che, nell'ottobre del 2009, provocò 137 morti e oltre 200 feriti al mercato di Peshawar, in Pakistan. Quattro di questi otto, però, sono stati condannati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Il pm della Dda di Cagliari, Danilo Tronci, aveva chiesto quattro ergastoli, condanne da 6 a 18 anni di carcere per gli altri, e un'assoluzione. L'ergastolo era stato richiesto per gli imputati ritenuti essere i capi della banda: Sultan Wali Khan, l'afghano Ridi Yahya Khan, Siyar Khan) e Imitias Khan. Per l'imam di Zingonia (Bergamo), Hafiz Muhammad Zulkifal, il pm aveva chiesto 18 anni di reclusione.

I dieci pakistani e l'afghano furono arrestati dal Dda di Cagliari e dalla Digos di Sassari nel 2015, e poi scarcerati in due riprese (l'ultima nel dicembre 2018), per decorrenza dei termini di carcerazione preventiva.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali