FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, una donna di 37 anni salvata dal bracciale anti-stalker: le segnala la presenza del suo ex e lei lo fa arrestare

Grazie al dispositivo, che porta sempre con sè, ha potuto chiedere immediatamente l'intervento dei carabinieri. All'uomo era stato notificato dall'autorità giudiziaria il divieto di avvicinamento

Ansa

Il suo ex convivente, dal quale si era allontanata dopo le violenze subite, l'aspettava all'uscita dal lavoro. Ma lei se n'è accorta e, grazie al braccialetto anti-stalker che porta sempre con sè, è riuscita a farlo arrestare. Si è salvata così, grazie al dispositivo elettronico, una donna di 37 anni di Roma. L'uomo infatti, a cui era stato notificato dal gip del tribunale di Roma il divieto di avvicinamento alla ex, è stato fermato dai carabinieri.

Lo squillo del pericolo - La donna stava uscendo dal suo turno di lavoro quando ha sentito il dispositivo squillare, segnalandole così il pericolo. L'uomo infatti la stava aspettando, violando il divieto di avvicinamento. Immediatamente la 37enne ha chiamato il 112 chiedendo l'intervento dei carabinieri, già allertati dallo strumento anti-stalker collegato con la centrale operativa della compagnia di Tivoli. 

 

L'intervento dei militari - Appena arrivati sul posto, i militari hanno prima preso contatti con la donna e poi identificato, nelle vicinanze, l'uomo. Una volta scoperto, ha minacciato la sua ex e poi condotto in carcere, dove sta attendendo le decisioni dell'autorità giudiziaria. 

 

Le autorità: strumento da estendere - Dal Campidoglio, l'assessore della Capitale alle Pari opportunità Monica Lucarelli ha detto di essere pronta a far diventare Roma "città pilota nell'uso del braccialetto elettronico". E la ministra delle Pari opportunità Mara Carfagna ha ribadito che il braccialetto anti-stalker è uno "strumento di sicurezza" il cui "uso rafforzato" è "da approvare al più presto". 

 

"Ci impegniamo per far sì che venga implementato sempre di più l'uso della banca dati 'scudo' in cui vengono raccolte le schede compilate dalla polizia o dai carabinieri quando questi si trovano davanti a donne in una situazione di disagio a causa di una lite con il compagno - ha spiegato la Lucarelli -. Deve raccogliere anche i più innocui segnali e far scattare un'indagine immediata, per far sì che ogni donna possa essere tutelata e protetta. Sarebbe importante aggiungere anche i dati raccolti da strutture sanitarie e centri antiviolenza". E la Carfagna ha aggiunto: "Il braccialetto elettronico e i dispositivi anti-stalker sono strumenti di sicurezza per le donne: con le colleghe ministre ne abbiamo proposto l'uso rafforzato, è una disposizione da approvare al più presto". 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali