FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, 13enne si butta dal balcone di casa: indagini per istigazione al suicidio | La ragazzina forse vittima di bullismo

Accertamenti anche sul caso di una bambina di 10 anni che nei giorni scorsi aveva tentato di uccidersi, salvata dal pronto intervento di due agenti di polizia

Una ragazzina di 13 anni sì è tolta la vita lanciandosi dal balcone dell'appartamento dove viveva con la famiglia, a Roma. La Procura sta ora indagando sul caso per chiarire il contesto in cui si è consumata la tragedia e verificare eventuali episodi di bullismo che, come riporta Il Messaggero, sarebbero avvenuti su ThisCrush, un social network utilizzato dai più giovani.

La procura di Roma vuole chiarire le ragioni di quanto avvenuto. I magistrati hanno ipotizzato il reato di istigazione al suicidio, allo stato si procede contro ignoti. Nelle prossime ore verranno affidate specifiche consulenze scientifiche per verificare ogni elemento. In particolare, verrà esaminato il cellulare della ragazzina. Si vuole capire se sia stata vittima di bullismo, cyber o meno. In questo senso i pm hanno disposto accertamenti anche sul caso di una bambina di 10 anni che nei giorni scorsi aveva tentato di uccidersi, salvata dal pronto intervento di due agenti di polizia.

 

"Una ragazzina cresciuta in una famiglia in cui i genitori stavano attraversando un momento di crisi, come accade spesso - spiega chi indaga - ma dall'analisi del suo cellulare potrebbe emergere una realtà diversa". Il riferimento è ai tanti messaggi trovati su un social network frequentato dalla minorenne in cui emergono insulti, frasi offensive. Parole cariche di odio scritte da utenti "anonimi" che prendono pesantemente di mira la giovanissima suicida.

 

Qualche amica avrebbe però tentato anche di difenderla, schierandosi con lei, scrivendo messaggi pubblici di solidarietà e invitando i bulli a desistere, a farla finita. Ma quei comportamenti vessatori dei cyberbulli non sarebbero finiti avrebbero potuto indurre la ragazza a farla finita.

 

Preziose informazioni arriveranno dal telefonino e dal pc della ragazza per cercare di risalire all'autore o agli autori dei messaggi e, parallelamente, proseguiranno nelle audizioni di parenti e amici al fine di delineare il "vissuto" della giovane.

 

La tragica fine della ragazzina di Valle Aurelia non è l'unico episodio al vaglio degli investigatori. Verifiche sono state disposte per il caso legato al tentato suicidio di una bimba di soli 10 anni avvenuto alcuni giorni fa. La tragedia è stata evitata grazie all'intervento di due agenti che attratte da un capannello di persone che guardavano verso l'alto e dalle urla di aiuto di un'anziana donna, hanno subito capito la gravità della situazione. Sono entrate nell'appartamento e hanno afferrato la bimba evitando che si lanciasse nel vuoto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali