FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Reati: 284 denunce ogni ora, calano furti e rapine, salgono frodi web e usura

Secondo i dati del Viminale, nel 2016 le denunce sono in flessione del 7,4% ad eccezione delle truffe informatiche (+4,5%) e dei casi di usura (+9%). Milano con 650 reati al giorno scalza il primato a Roma

Circa 284 denunce vengono effettuate ogni ora in Italia, al giorno 7mila. Lo rivelano i dati sulla criminalità presente sul territorio rilevati dal Viminale, secondo cui la percentuale, nel 2016, è in flessione del 7,4%. In rialzo invece le truffe e le frodi informatiche (+4,5%) e i casi di usura (+9%). Nella classifica delle città più "pericolose", Milano scalza il primato a Roma, con 650 denunce al giorno, seguita da Rimini e Bologna.

Nella città meneghina si registra la maggior incidenza di reati ogni 100mila abitanti (7.375 illeciti all'anno, che corrispondono a circa 650 al giorno), seguita subito dopo da Rimini (7.203). Dall'altro lato ci sono Oristano, Pordenone, Rieti, Enna e Sondrio, tutti sotto le 2.300 denunce all'anno ogni 100mila residenti. La media nazionale, invece, si attesta a quota 4.105.

Milano figura al primo posto anche per quanto riguarda il volume delle denunce, superando Roma (627 denuncia al giorno, dove si è registrato un calo dell'11,4% su base annua). Seguono Torino e Napoli, entrambe con circa 370 denunce ogni 24 ore. Come riporta Il Sole 24 Ore, da queste quattro città arriva quasi il 30% dei 2,5 milioni di denunce presentate nel 2016.

Se si considerano i dati sulle variazioni rispetto al 2015, sono solo sei le province che evidenziano un incremento: +1,2% a Bolzano, Crotone, La Spezia, Grosseto e Avellino; +5,5% a Prato. Il calo più consistente, invece, si registra a Ravenna, dove i reati rilevati sono scesi del 18% nell'ultimo anno, seguita dal Verbano-Cusio-Ossola, Arezzo e Cremona.

Meno furti in abitazione - Tra i reati, il decremento maggiore è stato evidenziato nella categoria dei furti in abitazione (la più numerosa, con 214mila casi), che segna una flessione del 9%. Secondo l'Ania, l'associazione che rappresenta le compagnie assicurative, negli ultimi anni il fenomeno aveva riportato una forte crescita, per poi ridimensionarsi soltanto in tempi recenti grazie alla diffusione di sistemi di allarme e di videosorveglianza.

In calo anche i furti di auto - Per quanto riguarda i furti di automobili, sono 303 le vetture rubate ogni giorno in Italia. E, anche in questo caso, si tratta di un dato in calo negli ultimi anni. Sempre secondo l'Ania, gran parte del "merito" va riconosciuto allo sviluppo tecnologico, soprattutto grazie a dispositivi satellitari di ultima generazione.

Denunce in aumento: truffe e frodi online - A segnare un aumento sono invece truffe e frodi informatiche, oggetto di circa 151mila denunce nel 2016. Si tratta certamente di un fenomeno dettato dalla crescita degli utenti internet, il cui numero crescente alimenta però anche la schiera di chi ha poca dimestichezza con la Rete. In questo quadro si inseriscono frodi come il phishing tramite posta elettronica. Secondo gli esperti, il trend delle truffe digitali dimostra che non si tratta più di semplici "goliardate": è l'entità del danno subìto, economico o di immagine, "che spinge gli utenti a denunciare", ha rilevato il presidente di Assoprovider Dino Bortolotto.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali