FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Quarantʼanni fa il delitto Impastato: così moriva lʼuomo che sfidò la mafia con lʼironia

Il giornalista fu assassinato da Cosa Nostra dopo aver irriso i boss del suo paese, Cinisi, dalla sua Radio Aut. Ma lʼoperazione doveva sembrare un attentato terroristico fallito sui binari della ferrovia

Quarant'anni fa la mafia gli fece pagare il conto di un giornalismo fatto di denunce senza paura. Nella notte tra l'8 e il 9 maggio 1978 Peppino Impastato venne ucciso dagli uomini di Cosa Nostra sui binari della ferrovia di Cinisi (Palermo). Il delitto fu architettato in modo tale da farlo sembrare un fallito attentato terroristico da parte dello stesso Impastato, dilaniato da una carica di tritolo da lui stesso sistemata sulla strada ferrata.

Impastato, parole contro la mafia

Ma l'inchiesta del giudice Rocco Chinnici ribaltò la tesi dell'attentato fallito e il processo si concluse con la condanna all'ergastolo di don Tano Badalamenti, il boss di Cinisi bersaglio degli attacchi e degli sberleffi di Impastato dalla sua Radio Aut.

"Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda - diceva Impastato 40 anni fa -. Noi ci dobbiamo ribellare. Prima che sia troppo tardi, prima di abituarci alle loro facce, prima di non accorgerci più di niente". Il suo delitto, all'epoca, passò quasi sotto silenzio: Impastato infatti fu ucciso proprio lo stesso giorno in cui fu ritrovato il corpo di Aldo Moro, assassinato dai brigatisti dopo 55 giorni di prigionia.

Il fratello: "L'ora del passaggio di testimone" - Oggi a "Casa Memoria", l'abitazione che Peppino condivise con la mamma Felicia e il fratello Giovanni a Cinisi, a soli cento passi di distanza dall'abitazione del boss Badalamenti, è diventata un luogo di pellegrinaggio e di riflessione, in cui 50mila persone all'anno vengono a visitare il tempio di un martire della criminalità organizzata. "Se dopo 40 anni tanta parte della società e la migliore gioventù si riconoscono nei principi che hanno guidato la nostra rivolta delle coscienze, vuol dire che è stato raggiunto l'obiettivo più importante. E' una vittoria ancora più grande della condanna di chi ordinò il delitto".

Secondo Giovanni, è dunque l'ora del "passaggio di testimone" ai giovani, a quelli che vengono a visitare i luoghi di Peppino. Adesso tocca a loro, dice suo fratello, "far sentire la sua voce e la voce di chi si impegna per la giustizia e la libertà".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali