FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Processo "Escort", condannato Tarantini DʼAddario in codice rosso per un malore

Il Tribunale di Bari ha emesso la sentenza sui sette imputati accusati a vario titolo di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione

Processo "Escort", condannato Tarantini D'Addario in codice rosso per un malore

Il Tribunale di Bari ha condannato a 7 anni e 10 mesi Gianpaolo Tarantini e a 16 mesi Sabina Began, "l'ape regina" delle feste organizzate per Silvio Berlusconi. I due sono tra i sette imputati del processo "Escort" accusati a vario titolo di associazione a delinquere e induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Patrizia D'Addario, colta da un malore, è stata ricoverata in ospedale in codice rosso.

Processo "Escort", condannato Tarantini D'Addario in codice rosso per un malore

Per Claudio Tarantini, fratello di Gianpaolo, è stata invece disposta l'assoluzione, come chiesto dall'accusa. Al pr milanese Peter Faraone sono stati inflitti 2 anni e 6 mesi, a Massimiliano Verdoscia 3 anni e sei mesi. Assolti anche Francesca Lana e Letizia Filippi. Il tribunale ha escluso la sussistenza del reato di associazione a delinquere.

Berlusconi ha intralciato la giustizia: atti in procura - Il tribunale di Bari ha trasmesso gli atti alla procura per l'eventuale esercizio dell'azione penale nei confronti di Silvio Berlusconi ai sensi dell'articolo 377 del Codice penale (intralcio alla giustizia).

Atti in procura anche per la falsa testimonianza di cinque ragazze - Il tribunale di Bari ha disposto anche la trasmissione degli atti alla procura affinché valuti l'ipotesi di reato di falsa testimonianza nei confronti di alcune delle ragazze portate da Gianpaolo Tarantini nelle residenze di Silvio Berlusconi affinché si prostituissero. Si tratta di Vanessa Di Meglio, Sonia Carpentone, Roberta Nigro, Ioana Visan, Barbara Montereale e Dino Mastromarco, quest'ultimo ex autista di Gianpaolo Tarantini.

Patrizia D'Addario pensa "al suicidio" - Non mi resta che il suicidio, ditelo": così la barese Patrizia D'Addario ha reagito, in modo disperato, alla sentenza di condanna di Tarantini e Began in cui il Tribunale di Bari non ha riconosciuto alcun risarcimento dei danni alle parti civili, tra cui la stessa D'Addario.

Il malore e il ricovero in codice rosso - Fuori dall'aula la donna ha pianto a dirotto davanti alle telecamere spiegando che si aspettava un risarcimento dei danni. Poco dopo è stata colta da malore ed ha perso i sensi nel piazzale del Tribunale di Bari. La donna è stata soccorsa da sanitari del 118. L'avvocato Fabio Campese ha rivelato che la sua assistita, poco prima di sentirsi male, ha ingerito una quantità massiccia di farmaci per la tiroide ed ha scritto una lunga lettera nella quale ringrazia il suo legale e fa diverse considerazioni sul processo "Escort", nato dalle sue dichiarazioni, e sulla sua vita familiare.

Patrizia D'Addario è colei che con le sue dichiarazioni nel 2009 fece scoppiare il caso del giro di ragazze a pagamento gestito da Tarantini per le feste a casa dell'allora premier Silvio Berlusconi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali