FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pensionato disabile vessato per anni per pochi euro, 18 giovani arrestati nel Tarantino

Lʼoperazione presenta analogie col caso di Antonio Cosimo Stano, il 66enne di Manduria morto dopo aver subito aggressioni e angherie da più gruppi di giovani

bullismo, baby gang

Sono accusati di estorsione, furto, rapina e atti persecutori contro un 61enne di Sava, nel Tarantino, affetto da disagi psichici. I carabinieri hanno arrestato 18 giovani, 8 dei quali minorenni, e notificato 2 ordinanze di divieto di avvicinamento. L'operazione presenta analogie col caso di Antonio Cosimo Stano, il 66enne di Manduria affetto da disagi psichici morto il 23 aprile dopo aver subito aggressioni e angherie da più gruppi di giovani.

L'operazione è a carico di 12 maggiorenni (cinque in carcere, cinque agli arresti domiciliari e due destinatari di divieto di avvicinamento alla persona offesa) e nei confronti di otto minorenni (3 ora in istituti di pena minorile e 5 collocati in comunità di recupero).

 

Da anni subiva minacce e micro estorsioni Minacciando l'uomo di dare alle fiamme la sua abitazione o il suo furgoncino, il gruppo gli estorceva solitamente piccole somme di denaro, dai 5 ai 20 euro. Il 61enne, che percepisce una pensione di invalidità di circa 500 euro, era diventato una sorta di bancomat per tanti ragazzi, tra cui un vicino di casa.

 

Indagine partita dopo rogo in casa del 61enne L'indagine è partita l'8 giugno, dopo un incendio nell'abitazione della vittima. L'uomo raccontò che il rogo si era improvvisamente sprigionato dal camino mentre dava alle fiamme alcuni documenti che intendeva distruggere.

 

Nel corso del sopralluogo, gli inquirenti avevano tuttavia notato la presenza di consistenti cumuli di carta da gettare e di plastica. Dagli accertamenti era quindi emerso che il 61enne raccoglieva materiali presso privati e attività commerciali in cambio di piccole somme di denaro per integrare la sua modesta pensione di invalido civile e anche per far fronte alle continue richieste estorsive di una banda di giovani del luogo. Solo dopo molte insistenze dei militari, che avevano percepito il suo stato di disagio, l'uomo aveva ammesso di essere stato vittima del gruppo di giovani.

 

Alcuni dei giovani coinvolti anche in atti di bullismo contro 84enne Dall'indagine dei carabinieri è emerso inoltre che alcuni degli indagati, nel giugno del 2013, si erano resi responsabili di atti di bullismo ai danni di un 84enne che, senza alcun motivo, era stato spinto a terra mentre era in sella alla propria bicicletta, riportando lesioni. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali