FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pedofilia, 69enne arrestato nel Leccese: avrebbe abusato per più di un anno di diversi minori

Quarantʼanni fa lʼuomo chiese soldi ai genitori di un bimbo scomparso in cambio di notizie sul figlio; finì in manette per tentata estorsione

112 carabinieri generica inverno

Un 69enne di Taviano, nel Leccese, è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale continuata e ripetuta ai danni di minorenni, realizzazione e possesso di materiale pedopornografico. Si tratta dello stesso uomo che una quarantina di anni fa finì in manette per tentata estorsione perché telefonava ai genitori di Mauro Romano, un bimbo di sei anni scomparso a Racale (Lecce) il 20 giugno 1977, chiedendo loro denaro in cambio di notizie sul figlio.

Secondo le indagini dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Lecce, coordinate dal sostituto procuratore Stefania Mininni e scattate dalla denuncia della mamma di un ragazzino, l'indagato, tra il gennaio del 2018 e l'aprile del 2019, avrebbe abusato di diversi minorenni, ripagandoli poi con piccoli regali. L'uomo avrebbe agito, nonostante la reticenza delle giovani vittime, anche sotto i 14 anni, in un casolare nelle sue disponibilità. E' stato rinchiuso nel carcere di Borgo San Nicola di Lecce.

 

La scomparsa del piccolo Mauro nel 1977 L'arresto riaccende i riflettori sulla scomparsa del piccolo Mauro Romano. Per cercare i suoi resti, a dicembre erano state avviate nuove ricerche dei vigili del fuoco in un pozzo in contrada Fichella a Taviano, ma anche in questa occasione non fu trovato nulla. Il piccolo scomparve mentre giocava vicino alla casa dei nonni materni a Racale, dove si trovava perché i genitori erano in Campania per il funerale del nonno paterno.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali