FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Scazzi, Sabrina Misseri potrebbe presto lasciare il carcere

A causa del ritardo nella scrittura della sentenza dʼAppello, potrebbe attendere a piede libero lʼultimo atto in Cassazione. Il 15 ottobre, infatti, scadono i termini della custodia cautelare

Sabrina Misseri, condannata all'ergastolo in primo e secondo grado per il delitto della 15enne di Avetrana Sarah Scazzi, potrebbe presto lasciare il carcere di Taranto. Il 15 ottobre, infatti, scade il termine massimo di custodia cautelare che, al netto di proroghe e sospensioni, non può durare più di sei anni. E così, a causa del ritardo nella scrittura della sentenza d'Appello, potrebbe attendere a piede libero lʼultimo atto in Cassazione.

Gli impegni del giudice relatore Susanna De Felice (presidente della corte era invece Patrizia Sinisi, di recente nominata presidente della corte d’appello di Potenza) nella commissione d’esami per il concorso in magistratura hanno portato, proroga dopo proroga, all'attuale situazione di stallo, oggetto di attenzione da parte del ministero della Giustizia. Non si sa quando le motivazioni saranno depositate, ormai è però certo che sarà tecnicamente impossibile far svolgere l'udienza in Cassazione prima del 15 ottobre 2016.

Per la madre Cosima Serrano, anche lei condannata in Appello all'ergastolo come la figlia, invece i termini della custodia cautelare scadono il 26 maggio del 2017, a sei anni dal suo arresto avvenuto il 26 maggio del 2011.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali