FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bari, rissa tra mamme per il posto in prima fila alla recita scolastica di Natale: la preside annulla la festa

Eʼ successo in una elementare di Bitonto: schiaffi e spinte fino allʼarrivo dellʼambulanza

Bari, rissa tra mamme per il posto in prima fila alla recita scolastica di Natale: la preside annulla la festa

E' tutto pronto per la recita di Natale alla scuola Vito Felice Cassano di Bitonto (Bari). Dopo settimane di preparativi e prove i bimbi sono in attesa del debutto ed emozionati quanto basta. Emozionati sono anche i loro genitori, a tal punto che due mamme, pur di ammirare l'esibizione dei propri pargoli da vicino, prima che si alzi il sipario sul palco, si contendono un posto in prima fila. Dalle parole si passa subito ai fatti: alle urla si aggiungono spinte e schiaffi e una terza mamma, incinta, ha un malore. Tutto viene sospeso dalla dirigente, mentre si chiama l'ambulanza.

L'esibizione canora, tanto attesa, soprattutto dai piccoli cantori, viene così bloccata ancor prima di prendere il via. Nel parapiglia generale a dividere e difendere le due donne che hanno dato il via alla rissa, altri genitori e parenti.

Solo l'intervento del 118 ha riportato la calma, ma la festa natalizia, e il suo spirito, erano ormai irrimediabilmente rovinati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali