FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, scuola cancella la parola "Natale" dallʼinvito: è polemica per la "Grande Festa delle Buone Feste"

La denuncia arriva dai due consiglieri comunali Samuele Piscina (Lega Nord), presidente del Municipio 2 di Milano, e Laura Luppi, Assessore alle politiche educative

Un’iniziativa pensata per includere tutti. Un pomeriggio di festa per ragazzi e famiglie di diverse fedi. È la “Grande Festa delle Buone Feste”, organizzata dall’Istituto Comprensivo “Italo Calvino” di Milano. Il nome scelto per questa iniziativa, però, non è piaciuto affatto a Samuele Piscina (Lega Nord), presidente del Municipio 2 di Milano, e Laura Luppi, Assessore alle politiche educative. “Dopo i presepi e i crocefissi, ora anche le feste di Natale vengono ostacolate nelle scuole”, denunciano i due su Facebook e in un comunicato ufficiale.

I due politici, inoltre, fanno intendere di non essere stati gli unici a trovare poco adeguata l’iniziativa: a protestare sarebbero stati proprio i genitori. Non tutti, ma “molti”.

“La parola ‘Natale’, simbolo della nostra fede e della nostra cultura, non discrimina nessuno - spiegano Piscina e Luppi. - Colpire gli emblemi del Natale non garantisce il rispetto di nessuno, non produce una scuola e una società accoglienti e inclusive, ma fomenta l’intolleranza nei confronti della nostra cultura, dei nostri usi, delle nostre leggi e delle nostre tradizioni”. Cosa dovrebbero fare dunque le scuole? Secondo i due esponenti “dovrebbero essere le prime custodi di queste tradizioni che appartengono alla nostra storia e che hanno profondamente e inevitabilmente segnato la nostra cultura con tutto ciò che ne è conseguito in termini di rispetto e di libertà”.

L’attacco - E poi l’attacco a quella che loro definiscono “una politica perbenista di sinistra”: “Ancora una volta - continuano i due - la politica perbenista di sinistra rischia di intromettersi nelle aule privando i nostri bambini della gioia del Natale". "Crediamo fermamente - concludono - che le nostre tradizioni vadano rispettate. La scelta della scuola è un atto del tutto ingiustificato che non tiene conto della maggioranza dei bambini e per questo chiediamo venga subito cambiata reinserendo il riferimento natalizio".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali