FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Avetrana, Michele Misseri a Quarto Grado insiste: "Sarah lʼho uccisa io"

Lo zio della quindicenne uccisa nel 2010 continua a dichiararsi colpevole dellʼomicidio, alla vigilia dellʼudienza in Cassazione: "I giudici hanno condannato due innocenti"

"Sarah l'ho uccisa io": davanti alle telecamere di Quarto Grado Michele Misseri continua a scagionare moglie e figlia condannate all'ergastolo per l'omicidio, alla vigilia dell'udienza in Cassazione che metterà fine al percorso giudiziario sull'omicidio della 15enne di Avetrana (Taranto). Lo zio della vittima continua ad addossarsi le colpe per la morte della nipote: "Mi punisco io stesso, perché non è giusto quello che stanno facendo i giudici: condannare due innocenti è facile", afferma.

Michele Misseri è stato condannato in secondo grado a 8 anni per soppressione di cadavere e inquinamento delle prove, ma continua a scagionare la figlia Sabrina e la moglie Cosima.

Le stesse difese delle due condannate all'ergastolo non si arrendono davanti alla verità gridata da Michele: sei i ricorsi presentati, a cominciare da quello dell'avvocato di Sabrina Misseri, Franco Coppi, che cercherà di sottrarre la sua assistita al carcere a vita, puntando sulla colpevolezza del padre, il quale sulla vicenda ha fornito mille versioni e mille ritrattazioni.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali