FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Plastica, il governo decide: addio a cotton fioc e cosmetici non biodegradabili

Dal primo gennaio 2018 vietata la vendita di imballaggi e Legambiente denuncia: "Laghi italiani inquinati dalle microparticelle"

Plastica, il governo decide: addio a cotton fioc e cosmetici non biodegradabili

Bastoncini per pulire le orecchie, bottiglie, copertoni, imballaggi e sacchetti: la plastica ci circonda e regna nei mari e nei laghi. Un gravoso problema che, a causa delle abitudini scorrette di cittadini e aziende, sta mattendo a repentaglio la nostra salute e quella dell'ambiente. I pesci che mangiamo, infatti, ingeriscono le particelle di plastica attorno a loro finendo così per intossicarci. Il governo ha deciso di impegnarsi in questa battaglia con due nuovi provvedimenti. Vietata dal 2019 la vendita di cotton fioc non biodegradabili e l'utilizzo di microplastiche nei cosmetici a partire dal 2020.

Sommersi dalla plastica -  Una situzione diventata negli anni insostenibile come denunciato più volte da Legambiente. La plastica, infatti, non si degrada e rimane per sempre nell'ambiente in cui si trova. In tutti i nostri laghi - come riportato dalla Stampa -  sono state rilevate particelle di poliuretano di dimensioni inferiori ai 5 millimetri. La situazione peggiore è stata registrata a Come dove nel lago sono disperse 157mila frammenti di microplastiche per km2. Ma anche il lago di Bracciano e il lago Maggiore sono inquinati con valori rispettivamente di 117mila e 123mila particelle di plastica per km2.  

I provvedimenti -  Dal primo gennaio 2018 vietatati tutti i sacchetti e imballaggi non biodegradabili nei supermercati e nei negozi. Dal 2019, invece, banditi i bastoncini per la pulizia delle orecchie, considerati tra i prodotti più inquinanti, e infine, dal 2020, non sarà possibile l'utilizzo di plastiche nelle creme e nei detergenti per il viso. Secondo un recente studio, infatti, il polietilene, un polimero della plastica, è uno degli ingredienti più utilizzati nella cosmesi, ma sono ancora tanti coloro che acquistano senza leggere le etichette splalmandosi ingnari della plastica sul viso che può provocare reazioni allergiche nei soggetti più sensibili.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali