FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, sequestrato arsenale da guerra a estremisti di destra: tre arresti | Avevano anche un missile aria-aria

Il blitz dellʼAntiterrorismo è scattato in varie città del Nord Italia . Tra gli arrestati anche un ex candidato di Forza Nuova

Armi da guerra, tra cui fucili d'assalto e perfino un missile, sono stati sequestrati dalla polizia in varie città del Nord Italia. Il blitz dell'Antiterrorismo è scattato nei confronti di una serie di soggetti orbitanti nei gruppi dell'estrema destra oltranzista e nasce da un'indagine della Digos di Torino relativa ad alcuni combattenti italiani che hanno partecipato alla guerra nel Donbass, in Ucraina. Tre le persone arrestate.

Torino, arsenale da guerra in mano di estremisti

Anche un missile aria-aria - C'è anche un missile aria-aria perfettamente funzionante tra le armi sequestrate dall'Antiterrorismo della Polizia nell'ambito dell'inchiesta contro un gruppo di presunti estremisti di destra con ideologie oltranziste che in passato avrebbero combattuto nel Donbass, in Ucraina. Il missile aria-aria Matra è un modello in uso alle forze armate del Qatar e risulta di fabbricazione francese, assemblato nell'ottobre 1980. Ilmissile è stato sequestrato all'interno di un hangar dell'aeroporto di Rivanazzano Terme, nel Pavese, dove era presente molto altro materiale (tra cui due contenitori di lanciarazzi) che ora gli specialisti dell'esercito dovranno inventariare ed esaminare.

Tre gli arresti - Ci sono tre arresti nell'ambito dell'operazione del Servizio Antiterrorismo dell'Ucigos e della Digos di Torino. Tra questi c'è Fabio Del Bergiolo, 50 anni, ex ispettore antifrode delle dogane che nel 2001 si era candidato al Senato, per Forza Nuova, nel collegio di Gallarate (Varese). All'operazione, coordinata dalla procura di Torino, hanno collaborato anche le Digos di Milano, Varese, Pavia, Novara e Forlì.

Proprio nella città romagnola sono stati fermati, in un albergo vicino all'aeroporto, lo svizzero Alessandro Monti, 42 anni, e l'italiano Fabio Bernardi, 51 anni. I due, secondo gli investigatori della Digos, sono coinvolti nel tentativo di mettere in commercio il missile.

Da un'intercettazione risulta che il terzo arrestato, Fabio Del Bergiolo, ne proponeva la vendita a 470mila euro e, tra i contatti che aveva preso, figurava anche il funzionario di uno Stato estero.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali