FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, in dieci aggrediscono il vicino di casa gay: "Ricchione ti ammazziamo"

Il 53enne è stato pestato a sangue riportando la frattura del setto nasale, lividi e lesioni multiple: prognosi di 30 giorni

Torino, in dieci aggrediscono il vicino di casa gay: "Ricchione ti ammazziamo"

Un uomo di 53 anni di cui è stato diffuso soltanto il nome proprio, Leonardo, è stato aggredito e apostrofato con insulti omofobi, a Torino, lo scorso 2 gennaio, da una decina di giovani nella palazzina in cui convive con il compagno, secondo quanto riportato dal sito "Gaynews" e da "La Stampa". Il branco ha circondato l'uomo nel cortile del palazzo per chiedergli una sigaretta. Davanti a una sua risposta negativa, è scattata la violenza. Al grido di "brutto ricchione, ti ammazziamo", lo hanno pestato a sangue fratturandogli il setto nasale e procurandogli lividi e lesioni multiple. La prognosi decisa dall’Ospedale Molinette è di 30 giorni.

Durante il pestaggio la vittima è stata anche derubata del borsello e delle chiavi di casa e minacciata di accoltellamento.

A commentare l'episodio per l'Arcigay torinese è Francesca Puopolo: "Un gesto che, come il caso di Marco del luglio 2018, si cela dietro la sicurezza del gruppo, composto da una decina di giovani condomini, nei confronti di un’unica persona. A peggiorare la situazione, l’indifferenza dei vicini, che hanno assistito al pestaggio senza intervenire. L’attuale clima politico nazionale, che mostra altrettanta e più assordante indifferenza nei confronti dell’agire violento nei confronti di chi è reputato diverso e, in questo caso, sbagliato, legittima violenze di questo tipo. Le violenze sono ulteriormente aggravate dal clima minaccioso che si è creato intorno a Leonardo dopo l’aggressione: risulta urgente e necessaria una sensibilizzazione".

L'assessore ai diritti del Comune di Torino, Marco Giusta, ha condannato l'episodio a nome dell'amministrazione comunale sabauda: "Ho già scritto alla persona aggredita e al nucleo di prossimità della polizia municipale per offrire la mia disponibilità e quella dell'assessorato per fare fronte alla situazione. So che le associazioni di stanno già muovendo per dare il loro supporto, tramite gli sportelli accoglienza e legali e l'assessorato sarà disponibile a qualunque azione si voglia costruire".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali