FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, 85enne trova la moglie morta in casa: si suicida lanciandosi dal balcone

La donna era malata da tempo e il marito la assisteva continuamente. Sapeva di non poter resistere alla sua scomparsa

Torino, 85enne trova la moglie morta in casa: si suicida lanciandosi dal balcone

Ha trovato la moglie morta su una poltrona al rientro in casa e si è suicidato. E' la tragica fine della lunga storia d'amore di una coppia di Pinerolo (Torino), Pier Carlo Marchese di 85 anni e Mirella Rocchietti di 83. Lei era malata da tempo e lui la assisteva senza risparmiarsi. Sapeva di non poter sopravvivere alla sua scomparsa e ha scelto di togliersi a sua volta la vita.

Prima di suicidarsi, Marchese ha chiuso la porta di casa lasciando le chiavi nella toppa esterna, perché i carabinieri potessero entrare senza sfondare l'ingresso. Poi si è lanciato dal balcone del suo appartamento, al quarto piano. Era il 23 dicembre. E' morto sul colpo dopo un volo di 15 metri: i medici dell'ambulanza hanno potuto soltanto constatare la morte di lui e della moglie.

Mirella aveva da poco festeggiato con i suoi cari il suo compleanno, il 10 dicembre. Poi le condizioni erano velocemente peggiorate. Faceva fatica a camminare e aveva bisogno della continua assistenza del marito. Che non se l'è sentita di lasciarla. Neanche dopo la morte.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali