FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ivrea: operaio morì per puntura vespa,condannato titolare azienda

Per lʼaccusa, lʼimprenditore avrebbe dovuto prevedere che il dipendente, lavorando allʼaria aperta, potesse essere punto da un insetto

Ivrea: operaio morì per puntura vespa,condannato titolare azienda

Un imprenditore è stato condannato a un anno per omicidio colposo perché il suo dipendente morì punto da una vespa. E' quanto ha deciso il tribunale di Ivrea a conclusione del processo di primo grado. L'accusa, che considere il decesso un incidente sul lavoro, aveva chiesto una condanna a due anni di reclusione perché l'operaio, al momento della puntura dell'insetto, stava lavorando solo: se fosse stato con un collega, forse si sarebbe salvato.

Claudio Surra, un imprenditore di 46 anni del Cuneese, era titolare dell'impresa per la quale lavorava Davide Zangara, un operaio di 44 anni residente a Gassino, morto per lo shock anafilattico provocato dalla puntura, nel giugno del 2014, mentre stava lavorando all'illuminazione pubblica del Comune di Brozolo.

Per l'accusa, Surra avrebbe dovuto prevedere che il 44enne, lavorando all'aria aperta, potesse essere punto da un insetto. I legali dell'imprenditore hanno annunciato ricorso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali