FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Foodora, respinto il ricorso presentato dai rider licenziati

La società tedesca di food delivery vince la causa intentata dai lavoratori che contestavano lʼinterruzione del rapporto di lavoro. I legali dei driver: "La causa trattava una situazione specifica"

Foodora, respinto il ricorso presentato dai rider licenziati

Il Tribunale del lavoro di Torino ha respinto il ricorso, primo del genere in Italia, dei sei rider di Foodora che avevano intentato una causa civile contro la società tedesca di food delivery, contestando l'interruzione improvvisa del rapporto di lavoro dopo le mobilitazioni del 2016 per ottenere un giusto trattamento economico e normativo. I legali dei rider, Giulia Druetta e Sergio Bonetto, precisano: "La causa trattava una situazione specifica".

"Se questo sistema di lavoro è stato ritenuto legittimo, si espanderà", hanno commentato i legali che hanno deciso di appellarsi alla sentenza. Gli avvocati sottolineano come "la causa trattava la situazione di sei ricorrenti, in un periodo specifico di tempo e che hanno prestato un'attività estremamente diversificata quanto a ore giornaliere, settimanali e mensili".

L'avvocato Paolo Tosi, uno dei legali di Foodora, commenta così la decisione del tribunale di Torino di respingere il ricorso intentato alla multinazionale del cibo. "Questa è la prima causa che, a mia conoscenza, riguarda il fenomeno dei rider", aggiunge Tosi, secondo cui "molte cose sono cambiate in questi mesi nell'azienda".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali