FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cuneo, donna uccisa in auto a colpi di pistola: fermato un 42enne

Si tratterebbe di un delitto passionale. Dopo aver chiamato la polizia, lʼuomo ha atteso lʼarrivo degli agenti

Uccisa su un'auto a colpi di pistola, nel parcheggio di un supermercato alla periferia di Cuneo. E' morta così Mihaela Apostolides, di 44 anni, originaria della Romania, ma da qualche anno residente a Saluzzo. La polizia l'ha trovata riversa nel sangue sul sedile del passeggero di una Fiat Panda bianca. Accanto all'auto, in stato confusionale, Francesco Borgheresi, di 42 anni, originario di Firenze ma residente a Pinerolo (Torino). E' stato l'uomo a chiamare il 112 e ad attendere le volanti che l'hanno fermato.

Si tratterebbe di un delitto passionale, anche se del rapporto tra i due si sa ancora poco. Di certo, al momento, c'è che lei, disoccupata, e lui, militare ma non di stanza in Piemonte, si conoscevano da almeno due anni, da quando cioè erano stati fermati insieme, per un controllo, nel Cuneese. Da allora nient'altro, per ora, che aiuti a far luce su questo femminicidio, il primo in Piemonte da quando le misure per il contenimento del coronavirus sono state allentate.

 

Con la polizia e gli esperti della scientifica sul luogo del delitto è arrivato anche il pm Alberto Braghin. Toccherà al magistrato interrogare il fermato e cercare di far luce sul delitto. A sparare è stata una pistola di piccolo calibro, acquistata a Firenze e regolarmente detenuta dall'uomo, il porto d'armi trovato a bordo dell'auto in cui si è consumato il delitto.

 

Almeno quattro i colpi esplosi, due dei quali hanno centrato la vittima al petto. Senza lasciarle scampo. Era pomeriggio e nella zona i colpi di pistola sono stati sentiti chiaramente. Diverse le chiamate ricevute al 112, compresa quella di Borgheresi, che ha vagato nel piazzale del parcheggio fino all'arrivo della polizia. Sarà dunque l'uomo, non appena le sue condizioni lo consentiranno, a chiarire che cosa sia accaduto in quell'auto e perché abbia sparato e ucciso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali