FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lei vuole lasciarlo, lui la uccide e si costituisce: femminicidio nel Milanese | La coppia era in isolamento per il coronavirus

I carabinieri hanno trovato il corpo della donna riverso sul letto

Femminicidio nel Milanese, l'intervento dei carabinieri

Dopo nove anni di vita insieme lei voleva andarsene e il compagno Antonio Vena, una guardia venatoria di 47 anni, ha deciso di ucciderla. E' questo il movente dell'omicidio avvenuto nella notte tra sabato e domenica in una casa di Truccazzano (MIlano). La vittima, Alessandra Cità, 47 anni, è stata raggiunta alla testa da un colpo di fucile ed era già morta quando i carabinieri sono arrivati. La coppia era in isolamento per il coronavirus.

I due, originari dello stesso paese in Sicilia, si conoscevano da molti anni. Si erano ritrovati a Milano e aveva iniziato una relazione sentimentale andata avanti per diversi anni, fino alla decisione della donna di troncarla. L'uomo, che lavora a Bressanone (Bolzano), raggiungeva la compagna tutti i venerdì per passare con lei il weekend.

 

Da circa due settimane i due vivevano a casa di lei, nell'hinterland milanese. Lei voleva interrompere la relazione, ma aveva deciso comunque di ospitarlo a casa sua. Il 47enne non accettava la fine della relazione. Dopo aver ucciso la donna, l'uomo si è presentato in caserma dai carabinieri per confessare l'omicidio. 

 

In passato Vena era già stato denunciato due volte per violenza dalla donna con cui all'epoca era sposato. I fatti risalgono al 2009 e al 2012 a Chiusa, in Alto Adige, dove i due vivevano. Nel 2012, secondo la denuncia, Vena aveva inseguito la donna in macchina e l'aveva tamponata fino a farla uscire di strada. La coppia si era poi separata e l'uomo aveva intrapreso la nuova relazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali