FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Circonvenzione dʼincapace e violenza sessuale: altro guru arrestato a Torino

Lʼuomo utilizzava riti riconducibili alla medicina indiana per liberare le vittime dalla "Macumba". Le vittime potrebbero essere decine

Circonvenzione d'incapace e violenza sessuale: altro guru arrestato a Torino

Il giorno dopo l'arresto a Torino del santone Paolo Meraglia, un altro guru è stato arrestato dai carabinieri nel capoluogo piemontese con l'accusa di circonvenzione d'incapace e violenza sessuale. L'uomo, 69 anni, convinceva donne emotivamente fragili a liberarsi dalla "Macumba" con riti catartici riconducibili alla medicina tradizionale indiana, e in cambio chiedeva soldi, ricariche telefoniche, favori personali e in un caso anche sesso. Le vittime potrebbero essere decine.

Da almeno trent'anni l'uomo si spacciava per guru, esperto di riti indiani legati alla pratica dello Kry Yoga, e aveva anche uno studio in cui riceveva i clienti.

Vittime del santone sono due donne, una delle quali ha subito anche la violenza sessuale, che a dire del guru avrebbe apportato un beneficio curativo aiutando la donna a superare le sue difficoltà. Durante i riti, inoltre, forniva alle sue vittime "sacchettini magici" che in realtà contenevano erbe e spezie reperibili sul mercato.

L'uomo, che si presentava come ingegnere ma in realtà non ha mai conseguito la laurea, "plagiava abilmente le vittime, intrecciando con queste un raffinato e subdolo legame - spiega in una nota il procuratore di Torino Armando Spataro - concretamente mantenuto anche grazie ad un continuo contatto telefonico". Ora l'auspicio della Procura "è che altre vittime, rassicurate, trovino la forza di denunciare l'arrestato".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali