FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

Bullismo in gita, 14 studenti sospesi
Le mamme: la punizione è esagerata

Scoppia la polemica in un liceo di Cuneo. Un ragazzo deriso, denudato e "addobbato con le caramelle" dai suoi compagni, che vengono puniti con il 4 in condotta. I genitori: "Così perderanno l'anno per uno scherzo"

- Quattordici studenti, tutti minorenni, sono stati sospesi da scuola per un episodio di bullismo avvenuto durante la gita scolastica a Roma. I genitori però difendono i figli a spada tratta, per loro la punizione è esagerata. "Rischiano di perdere un anno per uno scherzo", dicono. Ma la preside del liceo di Cuneo non arretra: "E' un episodio grave. Siamo dovuti intervenire con fermezza per far capire quali sono i limiti, il rispetto delle norme".

Cuneo, bullismo in gita

di Beppe Gandolfo

A rivelare il caso è il quotidiano La Stampa. Gli studenti, 15 e 16 anni, sono in gita a Roma. All'insaputa dei professori, una quindicina di loro si dà appuntamento in una delle stanze dell'albergo in cui sono alloggiati. Ridono, scherzano, poi prendono di mira uno di loro, forse ubriaco. Lo spogliano, lo depilano e lo "decorano" con delle caramelle.

Il tutto viene filmato con un cellulare. Il video, al loro ritorno a Cuneo, dove vivono e studiano, inizia a circolare via WhatsApp. Se ne accorgono anche i professori, che convocano i genitori e fanno scattare la punizione: per quattordici di loro arriva la sospensione, il 4 in condotta per tutti gli altri, che significa perdere l'anno.

Sono gli stessi genitori a chiamare il quotidiano per difendere i propri ragazzi: "Li condannano a perdere l'anno, una rovina per molti con quello che oggi costa frequentare un liceo".

TAG:
Cuneo