FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Alessandria, corpo di una 74enne carbonizzato in auto: un fermato, ha confessato | Indagati i suoi genitori

In carcere il responsabile dell'uccisione della pensionata Norma Megardi. Il movente dell'omicidio potrebbe essere un debito di 2.600 euro che il reo confesso, Luca Orlandi, aveva con la donna, ma sono indagati anche i genitori 

I carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale di Alessandria hanno eseguito il fermo disposto dalla Procura del presunto responsabile dell'omicidio di Norma Megardi.

Si tratta di un 24enne della zona, Luca Orlandi, condotto in carcere, dove poi ha confessato di essere l'autore del delitto. La pensionata, residente a Sale, 74 anni, era scomparsa nel pomeriggio di lunedì e la sua auto, contenente resti umani, era stata rinvenuta bruciata nello stesso giorno, durante le operazioni di spegnimento di un incendio, in zona cascina San Pio, nel paese di Isola Sant'Antonio. Indagati anche i genitori del 24enne fermato.

L'auto in questione, un'utilitaria Opel acquistata da poco da Megardi insieme al marito, era andata sostanzialmente distrutta dalle fiamme nella zona boschiva, sugli argini del Po, salvo che per alcuni numeri di targa rimasti leggibili. I resti erano stati immediatamente posti sotto sequestro in un'autorimessa del Tortonese, mentre le parti umane rinvenute all'interno erano state portate nella camera mortuaria del cimitero di Alessandria, a disposizione dell'autorità giudiziaria.


 


I carabinieri del comando provinciale, con i colleghi della compagnia di Tortona, avevano iniziato subito una serie di accertamenti sul luogo del ritrovamento, molto impervio e isolato, lontano dalle abitazioni. Si erano trovati a dovere accertare innanzitutto se il rogo fosse partito dal veicolo stesso o dal bosco, dov'erano entrati in azione i vigili del fuoco per lo spegnimento, con in prima fila il sindaco di Isola,

Cristian Scotti

. Megardi, intestataria con il marito della vettura, era uscita dalla sua casa di Sale per delle commissioni quella stessa giornata, nel tardo pomeriggio, ma non aveva più dato sue notizie, sembrava scomparsa.


 


Tutto il paese si era impegnato per risolvere il giallo, a partire dalla polizia locale, che aveva fornito le immagini dell'impianto di videosorveglianza, sperando di aiutare a ricostruire i movimenti dell'auto e dell'anziana stessa. Le indagini dei carabinieri si erano poi estese all'attività di affitto di terreni che la donna, proprietaria di alcuni appezzamenti, gestiva in prima persona.


 


Il possibile movente -

Il movente dell'omicidio potrebbe essere un debito di 2.600 euro che il reo confesso aveva con Megardi a causa di alcune mensilità non pagate per l'affitto di un terreno agricolo di proprietà della donna. L'uomo è accusato di omicidio volontario, incendio doloso e distruzione di cadavere.


 


Indagati anche i genitori del 24enne fermato

- I genitori di Luca Orlandi, 24 anni, il giovane fermato per l'omicidio della pensionata di Sale (Alessandria) Norma Megardi, 74 anni, sono stati indagati, a piede libero, con le

stesse ipotesi di reato

: omicidio volontario, incendio e distruzione di cadavere. La coppia, sentita a lungo oggi dagli investigatori, respinge ogni addebito. 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali