FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, 61enne operato per cancro: gli asportano mezzo polmone ma era sano

A Pomeriggio Cinque la testimonianza shock di Vincenzo: "Non volevano capire che era un nodulo che mi porto da quando avevo 10 anni". A un anno e mezzo dallʼoperazione ancora nessuna giustizia

Centinaia di esami inutili il cui esito negativo non ha comunque convinto i medici. Una diagnosi sbagliata di tumore maligno e un intervento chirurgico per asportare mezzo polmone poi risultato sano. È questa la storia assurda di Vincenzo, 61enne palermitano che a distanza di un anno e mezzo non ha ancora avuto una risposta e attende l'esito dell'inchiesta che vede indagati i tre medici dell'Ismett di Palermo ritenuti responsabili.

"È tutto vero, mi hanno fatto mille esami, tutti negativi, ma loro volevano capire cosa fosse nonostante io dicessi che era un nodulo che mi porto dietro da quando ho dieci anni", spiega Vincenzo a Barbara D’Urso. "Dalla biopsia uscì fuori che era un tumore maligno al polmone. Quando ti dicono una cosa del genere decretano la tua fine, avevo addirittura scelto la mia bara per non dare questo peso ai miei figli", continua l’uomo a Pomeriggio Cinque. "Sto imparando a vivere con questa menomazione ma il problema più grosso ce l’ho nella mia testa, a distanza di un anno e mezzo io rivivo la mia operazione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali