FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Omicidio Sana, il padre fa trovare la sciarpa con cui ha strangolato la figlia

Lʼavrebbe uccisa davanti alla famiglia; nessuno lʼha fermato. Lʼarresto di altri due uomini non è connesso al delitto della giovane pachistana residente a Brescia

Sempre più chiari i contorni del delitto di Sana Cheema: nelle scorse ore il padre ha indicato agli inquirenti dove si trova la sciarpa usata per ucciderla. La ragazza, cittadina italiana ma figlia di genitori pachistani, è morta il 18 aprile scorso e la polizia del posto ha avuto presto il dubbio che si trattasse di omicidio. La 25enne infatti è stata strangolata dal genitore, con l'aiuto del figlio. Ora entrambi si trovano in prigione in Pakistan, mentre la madre e due zii sarebbero indagati.

E' stata strangolataProbabilmente erano tutti presenti, anche la madre, mentre Sana veniva strangolata con una sciarpa dal padre, Mustafa Ghulam. L'altro figlio l'avrebbe aiutato a compiere quel barbaro gesto. Uno zio e una zia, oltre alla madre, sono invece indagati perché - secondo gli inquirenti - avrebbero assistito senza fare nulla. Lo stesso Mustafa Ghulam ha spiegato alle forze dell'ordine dove si trovava l'arma del delitto. Fonti locali aggiungono che i due uomini arrestati lunedì all'aeroporto di Islamabaad sono invece coinvolti in un altro caso di femminicidio, ai danni di una ragazza con lo stesso nome.

La finta morte naturalePer ingannare gli inquirenti, la famiglia aveva finto la morte naturale di Sana. E l'aveva addirittura seppellita senza autorizzazione. Ma a Brescia, città dove la ragazza risiedeva, i dubbi sono sorti immediatamente. E la polizia pachistana è stata d'accordo.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali