FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, coppia di sposi invita migranti al matrimonio: "Sono nostri fratelli"

Marco e Nunzia hanno deciso di celebrare il fatidico "sì" davanti a degli invitati "speciali" per lanciare un messaggio antirazzista

Napoli, coppia di sposi invita migranti al matrimonio: "Sono nostri fratelli"

E' stato un matrimonio alternativo quello di Marco d'Avanzo e Nunzia Ricigliano, due giovani napoletani che hanno pronunciato il "sì" in una cerimonia multietnica celebrata nella chiesa del santissimo Crocifisso e Santa Rita, a Napoli. I fidanzati hanno voluto festeggiare la loro unione con degli invitati speciali, i "fratelli" migranti: "È giusto ricordarsi di loro anche nel nostro giorno più bello, condividere il quotidiano e una giornata come questa".

A festeggiare insieme ai parenti dei novelli sposi e ai genitori c'erano ivoriani, senegalesi, nordafricani, bengalesi, che hanno portato biglietti d'auguri ai due giovani napoletano ringraziandoli per il segnale di apertura lanciato a tutti. È stato il papà della sposa, Antonio Ricigliano, attivista dell'Associazione 3 Febbraio, che si occupa di assistere i migranti, a proporre l'idea. E l'invito è stato accolto di buon grado da Nunzia e Marco.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali