FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Multe, 2,5 milioni l'anno per eccesso di velocità: il valore è di 3 miliardi, ma solo la metà viene incassata

E' quanto emerge dall'indagine fatta dalla Commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti, guidata da Simone Baldelli, che annuncia inoltre una stretta sugli autovelox

autovelox
ansa

Solo per eccesso di velocità, nel nostro Paese vengono comminate 2,5 milioni di sanzioni l'anno per un incasso complessivo stimato di 3 miliardi. Di questa cifra solo poco più della metà (il 56%) viene effettivamente incassata. Pochi comuni, inoltre, rendicontano le sanzioni. E' la giunga delle multe in Italia fotografata dall'indagine fatta dalla Commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti guidata da Simone Baldelli.

Nuove regole per gli autovelox - Baldelli ha inoltre annunciato nuove regole per gli autovelox. "Finalmente, dopo quasi 12 anni di attesa, qualcosa si muove sul fronte degli autovelox e il governo si impegna a varare entro i primi mesi del 2022 il nuovo decreto che disciplina il corretto utilizzo dei sistemi di rilevazione a distanza della velocità", ha dichiarato il presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti dopo la risposta fornita giovedì dal viceministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Alessandro Morelli, nel corso dell'interrogazione a risposta immediata in Commissione Trasporti.

 

"Dal 2010 si attende una normativa che disciplini l'utilizzo corretto degli autovelox sulle strade italiane - ha affermato Baldelli - Il 29 luglio 2020 il governo annunciò di aver sottoposto la bozza di decreto sul posizionamento degli autovelox alla valutazione della Conferenza Stato-città e autonomie locali, ma ad oggi il provvedimento risulta ancora fermo".

 

Il viceministro Morelli, rispondendo all'interrogazione presentata dal deputato Baldelli (componente della Commissione Trasporti), ha informato che: "Con riferimento all'adozione del regolamento sugli autovelox, la Direzione Generale per la sicurezza stradale sta finalizzando congiuntamente al Ministero dell'interno la bozza di decreto in parola che sarà sottoposta alla valutazione della Conferenza Stato-città e autonomie locali nei primi mesi del prossimo anno. Tale provvedimento contiene una dettagliata disciplina finalizzata a garantire il rispetto dei limiti di velocità basata sulla propedeutica verifica, da parte degli enti gestori stradali, dell'adeguatezza dei limiti di velocità imposti quale condizione necessaria per poter installare gli autovelox".

 

"Inoltre - ha aggiunto -, è previsto che la collocazione delle postazioni fisse per permettere il rilevamento a distanza delle violazioni debba tenere conto della necessità di un coordinamento tra i diversi organi di polizia preposti al controllo affinché non si creino sovrapposizioni e interferenze tra servizi sul medesimo tratto stradale e non si concentrino sulla medesima infrastruttura stradale più rilevamenti contemporanei. Ciò consentirà la definizione di regole omogenee sulle modalità di collocazione ed uso dei sistemi di rilevazione della velocità superando una serie di criticità e contenziosi".

 

"Aspettiamo il governo alla prova dei fatti e speriamo che le nuove normative riducano la brutta abitudine di molte amministrazioni locali di utilizzare questi strumenti, che dovrebbero servire alla sicurezza stradale, per aumentare le entrate nelle proprie casse", ha concluso Baldelli. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali