FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, Papa: "Eʼ la tragedia più grande dopo la Seconda guerra mondiale"

Il Pontefice: "Eʼ un problema che non possiamo dimenticare"

Migranti, Papa: "E' la tragedia più grande dopo la Seconda guerra mondiale"

"Non dimentichiamo che il problema dei rifugiati e dei migranti oggi è la tragedia più grande dopo quella della Seconda guerra mondiale". Lo ha detto Papa Francesco, a conclusione dell'udienza generale in piazza San Pietro. "Esorto i partecipanti all'incontro per Direttori Migrantes a proseguire nell'impegno per l'accoglienza e l'ospitalità dei profughi, favorendo la loro integrazione e tenendo conto di diritti e doveri reciproci", ha aggiunto.

Il Pontefice, dopo aver letto il saluto e l'incoraggiamento di direttori "Migrantes", ai quali è affidato il coordinamento dell'accoglienza da parte della Chiesa ai rifugiati, ha continuato "a braccio".

Il Papa ha spiegato che non ci sono persone forti di "serie A" e persone deboli di "serie B", perché "chi sperimenta nella propria vita l'amore fedele di Dio e la sua consolazione è in grado, anzi, in dovere di stare vicino ai fratelli più deboli e farsi carico delle loro fragilità, senza "autocompiacimento" o "presunzione". "Siamo chiamati a essere sempre disponibili verso gli altri, con un sorriso o una mano tesa a chi è in difficoltà - ha detto Papa Bergoglio - diventando così veri seminatori di speranza".

"Anche chi è 'forte' - ha concluso - si trova prima o poi a sperimentare la fragilità e ad avere bisogno del conforto degli altri; e viceversa nella debolezza si può sempre offrire un sorriso o una mano al fratello in difficoltà. Ed è una comunità così che 'con un solo animo e una voce sola rende gloria a Dio'. Ma tutto questo è possibile se si mette al centro Cristo e la sua Parola".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali