FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sparatoria Macerata, finita lʼudienza di convalida: Traini in carcere

Davanti al gip, il 28enne si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre ha reso dichiarazioni spontanee al pm

Sparatoria Macerata, finita l'udienza di convalida: Traini in carcere

E' terminata l'udienza di convalida per la detenzione di Luca Traini nel carcere di Montacuto. Il gip di Macerata Domenica Potetti ha confermato l'arresto e disposto la custodia cautelare in carcere per strage aggravata dall'odio razziale per il 28enne, che sabato ha sparato per le vie della città contro persone di colore. Davanti al gip Traini si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre ha reso dichiarazioni spontanee al pm Stefania Ciccioli.

Al magistrato, Traini ha ribadito che non era sua intenzione colpire l'unica ragazza di colore rimasta ferita nel raid. Da lunedì il 28enne non si trova più in isolamento.

Tafferugli tra manifestanti e forze di polizia - Nel pomeriggio si erano registrati momenti di tensione a Macerata, dove alcuni giovani dei centri sociali sono scesi in strada in centro al grido di "Fascisti, carogne, tornate nelle fogne". Successivamente una ventina di loro è entrata nel centralissimo Caffè Venanzetti, dove era in programma domani una conferenza stampa del leader di CasaPound Simone Di Stefano. Sono intervenute le forze di polizia e i manifestanti sono usciti, tra piccoli tafferugli e spintonamenti. I titolari del locale hanno deciso di cancellare l'incontro stampa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali