FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Pamela, gip convalida arresto: Oseghale resta in carcere

Il 29enne nigeriano, che si è avvalso della facoltà di non rispondere, è accusato di omicidio, vilipendio e occultamento del cadavere della 18enne romana

Il gip di Macerata, Giovanni Manzoni, ha convalidato l'arresto di Innocent Oseghale, accusato di omicidio, vilipendio e occultamento di cadavere in relazione alla morte della 18enne Pamela Mastropietro. Il cadavere della ragazza, fatto a pezzi, è stato rinvenuto in due trolley nelle campagne di Pollenza (Macerata). E' stata disposta la custodia cautelare in carcere per il 29enne nigeriano che si è avvalso della facoltà di non rispondere.

La foto del nigeriano è stata scattata subito dopo il fermo. La ragazza era trovata morta mercoledì a Pollenza, vicino a Macerata. I resti del cadavere, smembrato, erano in due trolley. Non è escluso che a ucciderla sia stata un'overdose; gli accertamenti effettuati con l'autopsia non hanno tuttavia confermato alcuna ipotesi.

Nell'appartamento dell'uomo sarebbero stati rinvenuti i vestiti della vittima e tracce di sangue, oltre a vari coltelli di grosse dimensioni e una mannaia, tutti finiti sotto sequestro. Secondo alcune indiscrezioni, gli inquirenti pensano che il corpo della giovane sia stato fatto a pezzi proprio in quella casa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali