FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Ancona, il gip: unʼesecuzione "Ha sparato alla donna per finirla"

Altro che colpi a caso: secondo il magistrato quello di uccidere era il preciso obiettivo di Antonio Tagliata, il 18enne che ha assassinato Roberta Pierini e ferito gravemente il marito, mamma e papà della sua fidanzata 16enne

Omicidio Ancona, il gip: un'esecuzione "Ha sparato alla donna per finirla"

Antonio Tagliata ha ucciso Roberta Pierini con un colpo alla testa quando la donna, ferita al fianco e al braccio, era già a terra. "E' stata "un'esecuzione". Lo scrive il Gip Antonella Marrone nell'ordinanza che dispone la custodia cautelare per il 18enne reo confesso dell'omicidio. Diversa la versione del 18enne, che dice, usando un linguaggio da videogame: "Ho visto fumo, e ho fatto fuoco di copertura. Ho sparato a caso".

Secondo quanto risulta dai primi accertamenti tecnici sulla scena del delitto e dall'autopsia, Tagliata ha sparato alla donna stesa a terra dall'alto verso il basso. Il marito invece, ancora ricoverato in coma nell'ospedale di Ancona, è stato inseguito dal giovane fin sul balcone di casa. L'uomo gridava "aiuto, polizia!" e la sua voce è stata sentita anche da alcuni vicini, che hanno chiamato subito 113 e il 112.

Nell'interrogatorio nel carcere di Camerino, il 18enne, assistito dall'avvocato Luca Bartolini, ha sostenuto di non avere alcuna memoria della successione dei colpi esplosi. Ha in testa l'immagine della donna distesa a terra e quella del marito, un sottufficiale dell'Aeronautica, di cui, dice, "avevo una grande paura", che tentava di fermarlo con una sedia. Giacconi cercava una via di fuga verso il terrazzo, mentre lui, ha ammesso, continuava a sparare.

L'uomo è stato raggiunto anche da un colpo alla nuca: un foro di proiettile era ben visibile sul bordo di una tovaglia gialla appesa a stendere fuori dal balcone. Nell'appartamento i carabinieri del Ris hanno lavorato per tre giorni alla ricerca di ogni più piccolo indizio utile a ricostruire le varie fasi della sparatoria e le rispettive posizioni di vittime, assassino e anche della complice, la figlia sedicenne dei Giacconi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali