FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Macerata, Traini trasferito nello stesso carcere dellʼassassino di Pamela

Proprio lʼomicidio della ragazza è il movente allʼorigine dellʼazione di Traini, che ora è accusato di strage con finalità di razzismo. A casa sua una copia del Mein Kampf

Luca Traini, il 28enne che ha tentato di fare una strage di migranti a Macerata, è stato trasferito nel carcere anconetano di Montacuto, lo stesso dove è rinchiuso Innocent Oseghale, il nigeriano presunto assassino di Pamela Mastropietro. Proprio l'omicidio della ragazza è il movente all'origine dell'azione di Traini, che è stato arrestato con l'accusa di strage aggravata dalle finalità di razzismo.

"Ero in auto - ha raccontato l'uomo ai carabinieri durante l'interrogatorio - e stavo andando in palestra quando ho sentito per l'ennesima volta alla radio la storia di Pamela. Sono tornato indietro, ho aperto la cassaforte e ho preso la pistola".

Nessun segno di pentimento - Rispondendo alle domande in caserma, Traini "non ha mostrato alcun rimorso", sottolineano fonti investigative. Traini ha lasciato la caserma dei carabinieri all'una di notte: a testa alta e sguardo dritto davanti a sé, non ha detto una parola ai cronisti che erano ad attenderlo. Nel carcere anconetano è stato posto in isolamento in un reparto separato da quello in cui si trova Oseghale, ed è tenuto lontano anche da altri detenuti di colore.

A casa Traini trovata una copia del Mein Kampf - Gli investigatori hanno trovato una copia del Mein Kamp a casa della madre di Traini, a Tolentino. C'erano anche altre pubblicazioni riconducibili all'estrema destra e una bandiera con la croce celtica, tutto materiale sequestrato dai carabinieri. Al vaglio anche i computer per verificare se ci siano elementi utili alle indagini, anche se i fatti sembrano già chiari.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali