FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Macerata, sparò a sei immigrati: "Traini era in grado di intendere e volere"

Il 29enne è accusato di strage aggravata dallʼodio razziale, sei tentati omicidi, porto abusivo dʼarma e danneggiamenti

Macerata, sparò a sei immigrati: "Traini era in grado di intendere e volere"

Luca Traini, il 29enne di Tolentino (Macerata) che il 3 febbraio sparò a sei immigrati, era capace di intendere e volere, pur alle prese con "tratti disarmonici" della personalità. A stabilirlo è lo psichiatra Massimo Picozzi, incaricato dal tribunale di eseguire la perizia sull'autore del raid, in carcere e sotto processo con le accuse di strage aggravata dall'odio razziale, di sei tentati omicidi, di porto abusivo d'arma e danneggiamenti.

Quando venne fermato perché ritenuto il responsabile della sparatoria nei confronti dei sei uomini di colore, Traini disse di aver agito per vendicare Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa e smembrata a Macerata, e di voler quindi punire gli spacciatori della zona colpevoli, secondo il 29enne, di aver venduto l'eroina alla ragazza. "Non è colpa mia se a Macerata tutti gli spacciatori sono neri", si difese in un primo momento. Dalle indagini emerse poi che l'uomo era legato ad ambienti di estrema destra e collezionava in casa cimili dell'epoca fascista. 

L'obiettivo dell'avvocato Giancarlo Giulianelli, difensore di Traini, è ora dimostrare la semi-infermità mentale del suo assistito, così da ottenere una riduzione della pena in fase processuale. "Durante questo periodo gli sono stati dati farmaci per stabilizzare l'umore ed è stato sottoposto a sedute per attenuare i tratti della personalità borderline", ha spiegato a Repubblica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali