FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Corinaldo, il 17enne indagato si difende: "La sera della tragedia io lì non cʼero"

Gli inquirenti raccomandano prudenza. E la nonna garantisce che il ragazzo ha passato la serata con la fidanzata. Ma resta il dubbio sul motivo per cui il mattino dopo è stato trovato in un residence con due maggiorenni e due etti di cocaina

Indagato per omicidio preterintenzionale, lesioni dolose e colpose, P.B., il 17enne di origine sudamericana accusato di aver causato la tragedia di Corinaldo spruzzato spray al peperoncino in discoteca nega tutto. Anche di essere stato lì. E racconta di aver passato la serata con la fidanzata, e quindi la notte in un residence di Senigallia dove i carabinieri l'hanno trovato assieme a due fidanzati maggiorenni e due etti di cocaina.

E ai carabinieri che lo portavano via, il ragazzo, secondo quanto racconta il Corriere della Sera, ha giurato di non essere lui l'incappucciato che, ripreso nei video al vaglio degli inquirenti, ha spruzzato la sostanza urticante. E per spiegare la sua presenza nella stanza del residence, che gli ha fruttato anche l'accusa di detenzione di stupefacenti, all'avvocato ha detto di essersi trovato "nel luogo sbagliato, al momento sbagliato e con le persone sbagliate".

Certo, invocare le coincidenze è una difesa piuttosto debole, ma anche la Procura raccomanda cautela: a chiamarlo in causa sono infatti tre testimonianze che però, hanno più volte sottolineato i magistrati, sono state rese in modo "generico" e senza "indicazioni circostanziate". Insommma, qualcuno ha puntato il dito contro di lui perché, pur non essendo ancora maggiorenne, è noto per essere una "testa calda", ma la prova provata che il 17enne sia davvero il responsabile della tragedia non c'è ancora.

E anche la nonna del ragazzo lo difende a spada tratta, raccontando che "quella notte l'ha passata con la sua ragazza, non è andato a ballare a Corinaldo. Alcuni ragazzi puntano il dito contro di lui ma si sbagliano, lui non c'era". E anche sulla droga trovata nel residence la nonna è certa che "non era sua".

Dubbi che, al momento, serpeggiano anche tra gli inquirenti: proprio per questo nei confronti del ragazzo non è stato adottato alcun provvedimento restrittivo, in attesa che le indagini facciano luce sull'episodio. O che altri video e testimonianze riescano a rivelare con chiarezza l'identità di quel ragazzo incappucciato in discoteca.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali