FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ancona, spara ai genitori della ragazza Donna muore, marito in coma: preso

La madre è morta sul colpo mentre il padre è stato trasportato dʼurgenza in ospedale. Il presunto omicida, 18enne, era scappato in scooter insieme alla 16enne: entrambi sono stati fermati alla stazione di Falconara Marittima

Ancona, spara ai genitori della ragazza Donna muore, marito in coma: preso

E' stata uccisa mentre il marito è ferito gravemente perché si opponevano alla relazione della figlia 16enne con un 18enne. Potrebbe essere questo l'assurdo movente per l'omicidio di Roberta Pierini, 49 anni, e per il ferimento di Fabio Giacconi, anche lui 49enne, di Ancona. A sparare Antonio Tagliata che, dopo aver aperto il fuoco, è fuggito a bordo di uno scooter insieme alla ragazza, M.G.. I due fermati alla stazione di Falconara.

Ancona, spara ai genitori della ragazza Donna muore, marito in coma: preso

Roberta Pierini lavorava come impiegata e non voleva saperne di quella storia fra la figlia, "una bambina", commenta una vicina di casa, e il 18enne. Ancora più ostile alla relazione il padre della ragazza, sottufficiale dell'Aeronautica militare di stanza a Loreto.

La madre colpita alla testa - La tragedia si è consumata all'ora di pranzo, in una palazzina al numero 9 di via Crivelli, non lontano dalla sede della Regione Marche.: Roberta Pierini è stata colpita alla testa ed è morta subito. Il marito è ferito al capo e al torace, e lotta fra la vita e la morte. I carabinieri hanno trovato la donna riversa in una pozza di sangue, il marito a terra poco distante. Qualcuno dice di aver sentito gridare "aiuto", mentre i due cani della famiglia abbaiavano forte, ma nessuno sa cosa sia veramente successo in quei pochi concitati minuti.

Una delle ipotesi è che ad aprire la porta di casa sia stata la 16enne, poi fuggita insieme al fidanzato, che avrebbe portato l'arma con sé. Cinque o sei i colpi esplosi, anche se solo l'autopsia stabilirà quanti sono stati quelli mortali.

Alla stazione dei treni di Falconara Marittima sono stati identificati anche due loro amici, che sono stati portati poi in caserma. Per il momento non è ancora chiaro se qualcuno abbia aiutato i due ragazzi a disfarsi della pistola e a fuggire: gli accertamenti proseguono. Una volta in caserma, Antonio Tagliata ha accusato un lieve malore, riprendendosi subito.

Fidanzato della figlia accusato di omicidio - Il 18enne è accusato di omicidio, tentato omicidio e porto abusivo d'arma. Sarebbe stato lui ad uccidere la donna e ferire gravemente suo marito. I due ragazzi sono stati bloccati da una pattuglia dei carabinieri nella stazione ma non è ancora chiaro se stessero per allontanarsi dalla città in treno. Soltanto il ragazzo è in stato di fermo. Antonio Tagliata, barbetta, orecchino, sguardo "da duro" nel suo profilo Facebook, attualmente disoccupato, alcuni l'avevano visto spesso aspettare fuori dal portone la fidanzatina, appoggiato allo scooter. Dopo l'interrogatorio anche la ragazza è stata posta in stato di fermo

Un testimone li ha visti durante la fuga - La minorenne frequenta un istituto tecnico, e per Antonio ha proprio perso la testa. Sembra che alcuni mesi fa la 16enne avesse saltato un giorno di scuola per stare con il fidanzato, mandando su tutte le furie i genitori.

Cinque spari e grida d'aiuto - I condomini hanno sentito cinque spari in rapida successione, e grida di aiuto. Un testimone ha incrociato Tagliata e la ragazzina sul pianerottolo dell'appartamento, prima che salissero sul motorino per allontanarsi a gran velocità.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali