FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Monza, 17enne stuprata in uno stabile abbandonato: preso 22enne

La ragazza è stata aggredita martedì verso sera a Desio, poi ha raccontato tutto ai familiari. Denunciati altri tre clandestini

Una 17enne di origine marocchina, nata in Italia e residente in Brianza, è stata violentata all'interno del Palazzo del Mobile di Desio, nel Monzese. Lo stabile è da tempo abbandonato. La ragazza è stata aggredita martedì sera, poi è rientrata a casa e ha raccontato tutto ai familiari che l'hanno accompagnata a denunciare l'accaduto. I carabinieri hanno arrestato un marocchino di 22 anni, ritenuto l'autore dello stupro. Denunciate anche altre tre persone.

Altri tre cittadini marocchini sono stati denunciati per concorso per aver assistito alla violenza sessuale senza partecipare. Gli uomini, rispettivamente di 23, 25 e 27 anni, sono tutti clandestini e destinatari di decreti di espulsione.

Attirata e poi violentata - Secondo la ricostruzione degli investigatori, la vittima, che soffre di depressione, avrebbe incontrato e conosciuto i quattro giovani nel pomeriggio del 29 agosto, nella stazione ferroviaria di Monza. Insieme a loro avrebbe poi preso un treno fino a Desio. Poi li avrebbe seguiti spontaneamente all'interno dell'ex area industriale. Lì sarebbe stata minacciata con un coltello e costretta a subire lo stupro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali